LEONARDO
RID Articoli Mese
Ultime Notizie:
anteprima logo RID Cina: vola nuovo aereo d’attacco leggero

Il primo esemplare di serie del nuovo velivolo d'attacco leggero biposto cinese FTC-2000G ha effettuato il volo inaugurale. L’aereo, sviluppato dalla Guizhou Aviation Industry Corporation (GAIC), sussidiaria del conglomerato AVIC ( Aviation Industry Corporation of China), costituisce una versione per l’esportazione dell’addestratore/LCA JL-9 in servizio con l’Aeronautica e l'Aviazione Navale cinese. L’FTC-2000G va sul mercato su quella fascia “bassa” attualmente occupata da MiG-21 , J-7/F-5 ed F-5, in concorrenza con TA/FA-50, M-346FA, ecc. Ulteriori dettagli su RID 11/18.

a cura di
anteprima logo RID Goriziane: 70 anni al servizio delle FA

Nata come altre aziende per assicurare la manutenzione dei mezzi militari al nord-est, l’azienda di Villesse è sopravvissuta al “dividendo della pace” e oggi, con un’organizzazione diversificata, si propone come punto di riferimento in Italia e in Europa per diverse primarie aziende straniere. La meccanizzazione dell’Esercito Italiano ebbe origine nel corso della Prima Guerra Mondiale, quando i primi autocarri vennero impiegati per trasportare equipaggiamenti e munizioni. I primi passi erano stati compiuti all’inizio del 1900, mentre il primo impiego operativo avvenne fuori dal territorio nazionale, a Tripoli, nel 1910. Fu tuttavia nel 1915 che gli autocarri e le prime trattrici d’artiglieria intervennero sui vari fronti. Si dovette attendere il maggio 1916 perché, davanti alla necessità di rinforzare il fronte della 1ª Armata sugli altipiani di Folgaria, Lavarone e Asiago, fosse autorizzato il trasporto di personale sugli autocarri. Non a caso il 22 maggio si celebra la festa dell'Arma Trasporti e Materiali.

a cura di
anteprima logo RID Le Forze Armate della Nigeria

La Nigeria, uno dei giganti dell’Africa subsahariana, ha conosciuto una lunga era di regimi militari, al potere tra il 1966 e il 1999, con una breve parentesi nel 1979-1983 e non pochi scoppi di violenza. A diversi colpi di stato, riusciti e non, vanno aggiunti la guerra etnica contro gli Igbo, nuovi scontri etnici negli anni ’80 e ’90, e le prime violenze di matrice religiosa dopo il ritorno alla democrazia, che tra il 1999 e il 2006 hanno provocato 50.000 morti e 80.000 profughi. Un impegno militare sul fronte interno, che non ha escluso limitati conflitti con il Camerun, per la Penisola di Bakassi (con pesanti scontri armati nel 1981 e tra il 1991 e il 1999), e con il Ciad per il controllo di alcune posizioni sull’omologo lago, a cavallo tra anni ’70 e ’80. Senza contare che sin dal 1960 le Forze Armate nigeriane sono intervenute in missioni di pace e stabilizzazione in Congo (dal 1960 al 1964), Liberia, Sierra Leone e Somalia; ma anche nella ex Jugoslavia e in Asia: e spesso in missioni che hanno visto un massiccio impiego di mezzi pesanti, aerei e navi, con un coinvolgimento pieno nei conflitti liberiano, somalo e sierraleonese. Più recentemente, mentre proseguivano le missioni all’estero (Liberia, Somalia, Sudan/Darfur), la situazione interna è decisamente peggiorata. Ai rinnovati sussulti nella strategica regione petrolifera del Delta del Niger (dove sin dai primi anni ’90 sono attivi diversi gruppi antigovernativi dai nomi altisonanti: tra gli ultimi nati, nel 2016, gli Avengers del Delta, e i Niger Delta Greenland Justice Mandate), agli scontri tra tribù di agricoltori e pastori in varie zone del Paese, e a un ritorno di fiamma secessionista nel Biafra, dove dall’agosto 2015 si contano alcune centinaia di vittime in scontri e violenze, si è soprattutto aggiunta, dal 2009, la gravissima guerra jihadista scatenata dal movimento islamista Boko Haram (vedi RID 3/2014).

a cura di
anteprima logo RID Nuova versione export per l’elicottero cinese Z-10

Stando ad alcune immagini apparse sul web nel corso degli ultimi giorni, la Cina avrebbe apportato alcune modifiche all’elicottero d’attacco di concezione nazionale CAIC Z-10, in vista di una sua potenziale esportazione. Nelle immagini di quello che rappresenterebbe il volo del primo prototipo, l’elicottero appare in verniciatura “desert camo” e con la scritta “Z10ME001” ben evidenziata sui fianchi posteriori della fusoliera. La versione ME rappresenterebbe una variante migliorata dello Z-10 in dotazione all’Esercito Cinese, equipaggiata con un nuovo motore turboalbero Wozhou-16 (WZ-16) in grado di garantire 1.200 kw di potenza rispetto ai 935 kw erogati dall’attuale WZ-9. Altri cambiamenti riguarderebbero i sistemi di protezione, sia dal punto di vista avionico, che di blindatura (in particolare si parla di un irrobustimento dell’intera sezione anteriore, dalla torretta alle prese d’aria, anch’esse ridisegnate) e una maggior carico pagante trasportabile (fino a 16 missili aria-sup/anticarro/aria-aria HJ-10, rispetto agli attuali 8 previsti dalla configurazione standard), ciò anche grazie all’incremento della potenza del motore. Dal punto di vista commerciale, lo Z-10 potrebbe suscitare un moderato interesse da parte di alcune nazioni africane, mediorientali (Iran) ed asiatiche (Malesia e Thailandia), mentre il Pakistan, che per 18 mesi ha avuto la possibilità di testare 3 esemplari di Z-10, ha preferito virare sui T129 ATAK nonostante i costi maggiori dell’elicottero turco. Ulteriori dettagli su RID 11/18.

a cura di
anteprima logo RID Prima missione d'attacco per l'F-35B

Lo U.S. Naval Forces Central Command (NAVCENT) ha ufficialmente comunicato che il Marine Fighter Attack Squadron 211 dei Marines, imbarcato sulla nave d'assalto anfibio USS ESSEX, ha condotto la prima missione di combattimento con l'F-35B. Il Comando non ha fornito ulteriori dettagli, non specificando il numero di velivoli impiegati, ma ha reso noto che si è trattato di un raid in supporto all'Operazione FREEDOM SENTINEL in Afghanistan contro obbiettivi "fissi" dei Talebani. Grazie all'F-35B, i Marines hanno acquisito una capacità d'attacco strategico con un velivolo che garantisce più del doppio dell'autonomia di un HARRIER.

a cura di
anteprima logo RID Boeing vince la gara T-X

Come ampiamente previsto, Boeing, in partnership con Saab, si è aggiudicata la gara dell'USAF per il nuovo addestratore T-X. Secondo il comunicato ufficiale, all'azienda è stato assegnato un contratto del valore di 9,2 miliardi di dollari a copertura della fornitura di 351 velivoli e 46 simulatori. Grazie a questa commessa, Beoing potrà restare sul mercato dei caccia da combattimento, a garanzia del mantenimento di una solida base industriale negli Stati Uniti in vista del futuro programma per il caccia di sesta generazione di USAF e US Navy.

a cura di
anteprima logo RID Radar e CMS della Legge Navale

La Divisione Elettronica per la Difesa Terrestre e Navale (ETN) di Leonardo prosegue molto alacremente nello sviluppo dei sensori e dei CMS (Combat Management System) pensati per essere installati a bordo dei Pattugliatori Polivalenti d’Altura (PPA), dell'unità da assalto anfibio “tuttoponte” a bacino allagabile (LHD, Landing Helicopter Dock) e della LSS (Logistic Support Ship) VULCANO. Molti elementi sono allo stato di prototipo e sono attualmente sottoposti a campagne di sperimentazione, alcuni sono stati consegnati ai cantieri Fincantieri (incaricati della costruzione delle navi), altri sono stati addirittura già imbarcati sulla nuova LSS VULCANO (recentemente danneggiata da un incendio, evento sul quale torneremo più avanti). Abbiamo avuto la possibilità di approfondire tutti questi argomenti nel corso di una serie di visite agli stabilimenti di Leonardo di Roma (in via Tiburtina) e della provincia di Napoli (Fusaro ed Arco Felice) potendo raccogliere molti nuovi dettagli e riuscendo a “toccare con mano” molti degli apparati e a visionare numerose delle tecnologie impiegate per la loro realizzazione.

a cura di
anteprima logo RID L’USAF vuole 74 nuovi squadroni

Nel suo discorso d’apertura, durante l’ultima conferenza annuale “Air, Space and Cyber” della Air Force Association, il Segretario dell’USAF Heather Wilson, ha affermato che “per continuare ad essere in grado di difendere i confini nazionali, fornire un deterrente nucleare credibile, combattere il terrorismo, mantenere l’attuale livello di capacità combat ready e di prontezza operativa del 75% e pareggiare la forza numerica di Cina e Russia”, gli squadroni operativi dell’Aeronautica americana devono passare dagli attuali 312 a 386 (un incremento di 74 unità, pari al 24%) nel sessennio 2025/2030. L’incremento degli squadroni, che comporterà l’immissione di 55.000 uomini (compreso personale civile, della Guardia Nazionale e della Riserva) che innalzerebbe il totale del personale USAF dalle attuali 670.000 unità a 725.000, riguarderà tutte le componenti dell’Air Force. Nello specifico, gli incrementi più sensibili riguarderanno le unità maggiormente utilizzate nelle varie operazioni militari degli ultimi anni, vale a dire quelle dedicate alle attività C2/ISR (che passeranno dagli attuali 40 squadroni a ben 62), la componente rifornimento in volo (da 40 a 54 squadroni) e le unità impiegate nel ruolo CSAR (da 27 a 36 reparti). Per il resto, i reparti dedicati al trasporto passeranno dagli attuali 53 squadroni a 54, gli squadroni bombardieri passeranno da 9 a 14, quelli caccia da 55 a 62, quelli relativi agli UAV nei compiti d’attacco/ricognizione da 25 a 27, gli squadroni dedicati alle attività spaziali passeranno da 16 a 23, mentre i reparti destinati alle Operazioni Speciali verranno portati da 20 a 27. Le uniche componenti che resterebbero invariate sarebbero quelle cyber (18 unità) e missilistiche (9 squadroni). Questi numeri, tuttavia, al momento rappresentano poco più che un programma sulla carta e di difficile attuazione, soprattutto dal punto di vista finanziario. Attualmente, infatti, l’USAF si trova già impegnata ad affrontare una forte carenza di piloti e tecnici, con questi ultimi che dovrebbero subire un incremento di 4.000 unità entro la fine del 2018, mentre la copertura relativa ai circa 2.000 equipaggi mancanti risulta più complessa e lenta. A ciò va aggiunto il progressivo invecchiamento della flotta aerea, soprattutto nella parte relativa al trasporto, al rifornimento in volo, ai compiti C2/ISR (E-3, E-6, RC-135, U-2) ed al bombardamento, mentre la componente caccia ha visto un rallentamento nelle consegne degli F-35A i quali peraltro, vanno a rimpiazzare velivoli ancora in servizio e non ad incrementarne il numero, come invece sarebbe opportuno in vista della creazione di 7 nuovi reparti. Come detto, il principale ostacolo a questo ambizioso piano d’espansione è quello finanziario. L’incremento degli squadroni caccia implicherebbe il relativo incremento nel procurement di F-35 ad almeno 80 velivoli all’anno e/o l’eventuale avvio della produzione di F-15X o F-16 SUPER VIPER, se si vuole evitare di mantenere in servizio F-15C EAGLE ed F-16 FIGHTING FALCON con 40 anni di servizio sulle spalle. Stesso discorso va fatto per la flotta tanker, per i quali tale progetto implicherebbe il congelamento del pensionamento di KC-10 e KC-135R, in attesa della più volte rimandata immissione delle nuove aerocisterne KC-46 PEGASUS (almeno 150 aerei). In generale, per equipaggiare un’Aeronautica composta da ulteriori 74 squadroni, servirebbero non meno 850 velivoli complessivi, tra cui almeno 550 caccia (numero che dovrebbe includere i 300 velivoli da osservazione/attacco leggero OA-X), 150 bombardieri, 150 tanker e 20 aerei da trasporto da immettere entro la prossima decade. A fronte degli attuali costi operativi annuali sostenuti dall’Air Force, pari a 53 miliardi di dollari, un incremento del 24% nel numero degli squadroni – e quindi di aerei e personale tecnico, reclutativo, addestrativo, civile, ecc. – implicherebbe un incremento relativo di non meno di 13 miliardi l’anno di costi operativi, tenendo conto anche degli aumenti dovuti al procurement del nuovo addestratore T-X, del bombardiere B-21 RAIDER (almeno 100 velivoli che sostituirebbero 20 B-2 e 60 B-1) e della sostituzione dei missili balistici intercontinentali MINUTEMAN III come deterrente strategico nucleare ground based. Stima conservativa, tenuto conto che gli squadroni dedicati alle attività C2/ISR e trasporto dovrebbero essere equipaggiati con velivoli attualmente inesistenti. Il prossimo febbraio, con la pubblicazione delle richieste di stanziamenti del Pentagono per l’anno fiscale 2020, si potrebbe avere un quadro più dettagliato riguardo a tale programma che, tuttavia, dovrà fare i conti con le simili richieste provenienti dalla US Navy e con il suo programma di una forza complessiva di 355 navi.

a cura di
anteprima logo RID CAMM ER: programma strategico per l’Italia

Secondo un articolo apparso oggi sul Corriere della Sera, il programma MBDA CAMM ER sarebbe a rischio. La causa: l'opposizione del Ministro dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio. Il programma, come noto, è già ben avviato da tempo; con fondi – del bilancio ordinario della Difesa - che già ci sono ed il solo parere parlamentare necessario per il via libera ufficiale. Ora, al di là delle questioni politiche, nelle quali come sempre non entriamo e che non ci competono, occorre sottolineare che il CAMM ER è un programma strategico per l’Italia, per tutta una serie di ragioni. La prima, e più evidente, è che si tratta di un prodotto italiano che coinvolge massicciamente aziende del nostro Paese: MBDA Italia, responsabile del progetto e che vede interessati gli stabilimenti di Roma/Tiburtina, Spezia e Bacoli/Fusaro (Napoli), in particolare quest'ultimo risulterebbe il più coinvolto; Avio, responsabile del motore con lo stabilimento di Colleferro (Roma); e Leonardo, per il radar KRONOS, con gli stabilimenti di Roma/Tiburtina e Bacoli/Fusaro. La ricaduta sul nostro Paese, pertanto, sarebbe estremamente rilevante sia in termini tecnologico-industriali che occupazionali. Inoltre, andrebbero salvaguardati i cospicui investimenti già effettuati in questi anni. La seconda questione riguarda invece gli aspetti internazionali legati alla cooperazione ed all’export. Il programma CAMM ER, infatti, nasce nell’ambito di una cooperazione con il Regno Unito, con il quale già esiste un accordo che verrà reso esecutivo nelle prossime settimane mediante un “implementation agreement” la cui firma è prevista proprio al Fusaro. Per quanto riguarda, invece, l’export, ci sono ottime opportunità in Polonia e Spagna, ma anche in Qatar. In generale, essendo il CAMM ER il naturale sostituto dell’ASPIDE – venduto in circa 5.000 esemplari nel corso degli anni in tutto il mondo – le prospettive sono davvero importanti (oltre un miliardo di euro solo nel breve periodo) e non farebbero che portare ulteriori benefici al tessuto occupazionale italiano. Non meno importanti, gli aspetti operativi. Il CAMM ER dovrà rimpiazzare con Esercito ed Aeronautica i sistemi SKYGUARD e SPADA che non potranno essere più usati a partire dal 2021 a causa della loro età. Se, pertanto, il CAMM ER dovesse realmente essere cancellato, l‘Italia si ritroverebbe priva di difesa missilistica a corto-medio raggio; fondamentale per la sicurezza del territorio nazionale (grandi eventi, infrastrutture critiche, ecc.) anche nei confronti di minacce quali droni e missili da crociera. Strumenti sempre più diffusi anche presso organizzazioni terroristiche e non-statuali. Infine, Infine ricordiamo un ulteriore aspetto. Nel contratto CAMM ER sono inseriti pure 2 studi di fattibilità: uno per l’integrazione dello stesso CAMM ER come “seconda munizione” nel sistema sup-aria SAMP/T dell’EI; l’altro per la navalizzazione del CAMM ER, visto che anche la Marina si sta orientando ormai sempre di più su questa soluzione per equipaggiare i PPA Light e le future European Patrol Corvette (EPC).

a cura di
anteprima logo RID CORONAT MASK 2018 per il 7º Rgt. NBC

Tra il 17 ed il 24 settembre la NATO ha condotto la prima edizione della CORONAT MASK 2018

a cura di
anteprima logo RID Autonomia dei velivoli da combatitmento

Quando si pensa alle più importanti prestazioni degli aerei da combattimento, per i caccia vengono subito in mente velocità e maneggevolezza, mentre per gli aerei d’attacco le capacità e la varietà dei carichi d’armamento. Solo nel caso dei bombardieri l’elemento cruciale a cui si fa immediatamente riferimento è proprio la prestazione relativa all’autonomia o, meglio, il raggio d’azione. La sensibilità a questo parametro, in grado di condizionare completamente le operazioni aeree in un certo teatro operativo o addirittura di rendere possibile, o meno, determinate missioni o determinati ruoli, non sembra adeguatamente compresa da molte nazioni e forze aeree. Molto probabilmente ciò è il frutto di una serie di retaggi ed esperienze storiche che, già da molti anni, sono stati completamente superati. Il quadro geopolitico odierno, diremmo a livello globale e non solo regionale, è però del tutto diverso da quello degli anni addietro. Un riesame dei requisiti da soddisfare, con specifico riferimento al raggio d’azione, da parte degli aerei in servizio presso un buon numero delle aeronautiche, le più importanti in primo luogo, si sarebbe dovuto imporre già da lungo tempo. L’enfasi infatti si è chiaramente spostata da un contesto di carattere tradizionalmente tattico, in termini di distanze d’intervento, a uno più strategico, anche qui in termini di distanze d’intervento, e questa tendenza ha coinvolto pure gli aerei concepiti, a livello progettuale, per un impiego tattico. Va anche detto che i tempi di sviluppo degli aerei da combattimento, cresciuti sino a diventare abnormemente lunghi, hanno provocato l’ingresso in servizio di velivoli concepiti sulla base di requisiti operativi stilanti molto, molto tempo addietro. Macchine nate quando la situazione geopolitica era del tutto differente rispetto ad oggi e non era ancora chiaro come si sarebbero le congiunture politiche e militari in alcune aree regionali nelle quali oggi questi aerei si trovano ad operare.

a cura di
anteprima logo RID In volo per la NATO Air Policing

Grazie un Media Flight organizzato dalla NATO abbiamo partecipato ad un volo della Luchtcomponent belga che ha sorvolato lo spazio aereo di competenza del CAOC di Torrejon, dimostrando la capacità della NATO di garantire l'attività di Air Policing sull’Europa. Tale missione è assegnata all’Allied Air Command, basato a Ramstein, in Germania, e fa parte del più ampio dispositivo NATO Integrated Air and Missile Defence (NATINAMDS). In pratica, le missioni denominate Air Policing e BMD Defence sono le uniche che la NATO nel suo insieme deve garantire in tempo di pace, 24h su 24, 365 giorni l’anno, in quanto impegni tesi a proteggere l’intero spazio aereo NATO in Europa e di conseguenza la popolazione europea. Bisogna inoltre sviluppare la flessibilità necessaria a rispondere ad eventuali crisi, e dunque una crescita degli impegni. Il dispositivo di Air Policing (AP) è oggi completo e perfettamente funzionante, mentre la difesa antimissile è in fase di sviluppo compatibilmente con i tempi tecnici e le risorse a disposizione della NATO (e dei suoi membri) per mettere in piedi una rete di sorveglianza completa cui asservire poi gli effectors (missili antimissile). Come abbiamo detto, il nostro volo si concentrava sulla NATO Air Policing, condotta con un dispositivo unico al mondo che consente la copertura completa e omogenea del continente europeo attraverso un network di 40 centri radar (Control & Reporting Centre, C&RC) e 34 centri C2 dedicati al controllo aereo. Il network è in grado di monitorare gli oltre 30.000 movimenti civili e militari che giornalmente popolano i cieli europei. A questo dispositivo si aggiungono 38 basi permanenti e 4 basi avanzate di rischieramento (Bulgaria, Estonia, Lituania, Romania) incaricate di garantire i 40-60 caccia in Quick Reaction Alert (QRA) su base giornaliera in Europa – il numero esatto è ovviamente classificato. Geograficamente, la regione settentrionale è sotto la responsabilità del Combat Air Operation Center (CAOC) di Uedem, in Germania, quella meridionale ricade sotto il CAOC di Torrejon, in Spagna. A questi 2 comandi statici si aggiunge il CAOC di Poggio Renatico, Italia, che però è mobile e dedicato esclusivamente ad esigenze di proiezione. I modelli di Air Policing costruiti dalla NATO sono 4: traditional, shared, interim, ed enhanced posture. Il modello tradizionale è quello che vede ciascun stato membro coprire il proprio spazio aereo con i propri caccia, seppur sotto comando unificato NATO. Lo shared model è più avanzato e prevede che uno stato stabilisca un accordo con uno o più membri per condividere i mezzi aerei dedicati alla missione, come nel caso del Benelux, ove Belgio, Olanda e Lussemburgo si alternano nella copertura dell’intero spazio aereo delle 3 nazioni. Le soluzioni ad interim riguardano invece i paesi che non dispongono di caccia propri momentaneamente oppure per via di dimensioni geografiche (ed economiche) ridotte. In questo caso, la copertura di queste nazioni avviene tramite aerei di altri paesi alleati (ad esempio, l’Italia copre l’Albania, in collaborazione con la Grecia, e la Slovenia, in collaborazione con l’Ungheria). Infine, l’enhanced posture riguarda i paesi che necessitano di un rinforzo del dispositivo di AP per motivi contingenti. È il caso, per esempio, della Baltic Air Policy, necessaria in seguito all’incremento delle attività russe nell’area. Le missioni di AP ricadono all’interno della collaborazione tra gli enti e le agenzie per il controllo del traffico aereo, inclusa EUROCONTROL, e la NATO. Quando il sistema di sorveglianza – civile o militare – individua un’anomalia come un aereo che non rispetta o che non possiede un piano di volo, una perdita di comunicazioni tra un aereo e l’ATC, oppure dei voli militari vicini allo spazio aereo europeo, viene ordinato lo scramble. Gli aerei raggiungono lo “zombie” e lo identificano per poi scegliere l’azione tattica da compiere secondo i casi. Secondo le statistiche NATO, nel 2017 sono stati effettuati 430 scramble, di cui 82 a causa di perdita delle comunicazioni (COMMLOSS) e 250 per seguire i movimenti delle forze russe. Nel 2018 i dati disponibili al 31 agosto contano 260 scramble, di cui 180 contro forze russe e 70 per COMMLOSS. Negli anni precedenti, quello più intenso è stato il 2016, con ben 870 voli su allarme, di cui 780 imputabili a voli russi. Per quanto riguarda l’attività russa, ci sono 2 precisazioni da fare. In primo luogo, il numero di scramble per sorvegliare le attività russe non è sempre indicativo del livello di attività di Mosca. Succede spesso che un singolo volo su allarme venga poi incaricato di seguire più formazioni russe. Pertanto, statisticamente si tratta di un volo, ma in pratica le intercettazioni effettuate sono multiple. Un secondo aspetto che la NATO tiene a sottolineare è la natura dei voli russi. In questi anni, nonostante le tensioni ed il rinnovato attivismo di Mosca, nessun aereo russo ha violato lo spazio aereo europeo. Tuttavia, quando i velivoli russi si avvicinano, è chiaro che i paesi NATO reagiscono con attività di shadowing per controllarne il comportamento. Nel caso del Mar Baltico, con l’aumento delle attività militari a Kaliningrad, è considerato normale un maggior traffico aereo. Dal momento che l’area geografica è stretta, è naturale che il traffico russo di routine passi in prossimità dello spazio aereo NATO. Insomma, esiste una specie di “routine dello scramble”, ne avviene uno ogni 3 giorni, in media. Un secondo dato da evidenziare è l’elevato numero di scramble dovuti a problemi di comunicazione. Tali problemi sono molto più comuni di quanto si potrebbe pensare. Non tutti si risolvono con il decollo su allarme. Per esempio, nel 2017 gli incidenti COMMLOSS sono stati 816, ma solo il 10% di essi ha richiesto un decollo su allarme – e dunque il problema è stato risolto dall’ATC civile. Nel 2018, al 31 agosto, sono stati registrati 420 incidenti, di cui ben il 16,5% ha richiesto lo scramble. Com’è possibile un numero così elevato? Secondo le statistiche NATO, il 66% dei casi di COMMLOSS è dovuto ad errore umano, spesso a carico del pilota che non imposta correttamente la frequenza quando cambia paese di sorvolo (magari perché non si comprende bene con i controllori a terra). Per i casi restanti, il 14% riguarda problemi tecnici, mentre per il restante 20% non si comprendono le cause. Considerata l’entità del fenomeno e la necessità di avere un controllo totale del traffico aereo, la collaborazione tra civili e militari in questo campo è sempre più serrata, soprattutto per quanto riguarda le misure operative e strategiche da prendere per ridurre l’impatto del fenomeno sulla AP. Ulteriori approfondimenti su questo argomento saranno disponibili su RID 12/2018.

a cura di
  1 2 3 4 5 6 7 8 Next >>