LEONARDO
RID Articoli Mese
anteprima logo RID Gli F-35A del 13° a Decimomannu

Il 13° Gruppo del 32° Stormo di Amendola, primo reparto F-35 europeo a raggiungere l'IOC, dispiega 6 velivoli a Decimomannu per una campagna addestrativa di 3 settimane. 

a cura di
anteprima logo RID C'è l'accordo per i sottomarini australiani

Dopo la selezione della proposta SHORTFIN BARRACUDA BLOCK 1A nel 2016, arriva finalmente l'accordo finale che stabilisce la suddivisione delle responsabilità fra Australia e Naval Group nell'ambito dell'ambizioso programma per 12 sottomarini. 

a cura di
anteprima logo RID Il Tu-160M2 in servizio nel 2021

Il primo bombardiere strategico supersonico Tu-160 BLACKJACK, prodotto in serie nella nuova variante M2, entrerà in servizio nel 2021 nelle Forze Aerospaziali russe (VKS). Questo quanto dichiarato dal Ministro della Difesa russo, Gen. Shoigu, durante la sua recente visita alla fabbrica Gorbunov di Kazan, dove viene assemblato il Tu-160M2. Ad esso dovrebbero aggiungersi altri 3 aerei entro il 2023, con completamento delle consegne alle VKS previsto nel 2030. Rispetto ai vecchi Tu-160, entrati in servizio nelle Forze Aeree Sovietiche nel 1987 e sottoposti ad un paio di aggiornamenti per l’integrazione di nuovi armamenti e upgrade delle capacità EW tra il 1992 ed il 2004, i BLACKJACK-M2 disporranno di nuovi sistemi di autoprotezione, una nuova suite di comunicazione resistente al jamming, sistemi avionici totalmente digitalizzati (inclusa l’installazione di HUD e display multifunzione oggi assenti), sistema di navigazione inerziale/satellitare K-042K-1, un nuovo autopilota, ABSU-200-1, progettato specificamente per il velivolo, nonché il radar “phased array” Novella-NV1-70. Inoltre, il velivolo vedrà un incremento della panoplia di armi trasportabili (tra cui i missili da crociera aria-sup a bassa osservabilità Kh-101 con testata convenzionale e Kh-102 con testata nucleare, entrambi sviluppati dal Kh-55/AS-15 KENT, e il missile antiradiazioni Kh-15P), ed un sensibile miglioramento delle capacità prestazionali in termini di durata e raggio d’azione, grazie al nuovo apparato propulsivo basato sui 4 motori turbofan Kuznetsov NK-32-2 che consentirebbero la stessa spinta massima da 55.115 lb ciascuno dell’attuale apparato, a fronte di minori consumi, di una maggiore semplicità manutentiva e da intervalli più dilatati tra i cicli di ispezione. Tali motori, tuttavia, al momento soffrono di non specificati problemi legati ai postbruciatori. A tali aggiornamenti, va aggiunto il trattamento del tettuccio dell’abitacolo che verrà ricoperto con un coating di materiale composito radar assorbente, sviluppato inizialmente per il nuovo caccia stealth Su-57 dalla Technologiya R&D Enterprise - RT Chemcomposite Group della Rostec, che consente una riduzione di circa 1/3 della segnatura radar causato dal tettuccio dei velivoli. Nel caso dei BLACKJACK, grazia a questo accorgimento la RCS si ridurrebbe a circa 8 m² (per intenderci, quella di un B-1B LANCER è di circa 10 m², mentre il design stealth ed il coating del B-2 SPIRIT gli permettono di scendere sotto il metro quadrato). Tale miglioramento, quindi, risulta relativo nel caso del Tu-160M2, tenuto conto che il resto della cellula non possiede caratteristiche stealth. Oltre al velivolo utilizzato per i test di volo dal gennaio 2018 (sprovvisto dei nuovi motori NK-32-2), l’’Aeronautica Russa ha richiesto un primo lotto di 10 apparecchi, secondo un programma che dovrebbe portare all’acquisizione di 50 bombardieri (34 di nuova produzione più il refit sugli attuali 16), un numero che rappresenterebbe un incremento più che doppio rispetto all’attuale flotta di BLACKJACK. Appare, tuttavia, irrealistico pensare al raggiungimento di tale numero, tenuto conto dei problemi finanziari che affliggono oggi la Russia.

a cura di
anteprima logo RID Ecco i nuovi LC23

Nel corso di una visita presso il Cantiere Navale Vittoria (CNV) di Adria (Ro) abbiamo avuto la possibilità di vedere in anteprima i nuovi mezzi da sbarco tipo LC23, realizzati da CNV per la Marina Militare.

a cura di
anteprima logo RID Due nuovi missili per la Russia

Entro il 2021 le brigate missili russe intendono dispiegare un missile cruise "derivato dal KALIBR navale" e un nuovo missile ipersonico, forse derivato dal VANGUARD. Così Putin dà seguito al suo annuncio di abbandono del trattato INF, annunciato dopo l'uscita degli Stati Uniti dallo storico accordo. 

a cura di
anteprima logo RID Haftar avanza nel Fezzan

Durante le ultime 5 settimane, lo scenario libico è stato caratterizzato dall’avanzata, pressoché indisturbata, dell’autoproclamato Esercito Nazionale Libico (LNA) del Generale Haftar verso il Fezzan. 

a cura di
anteprima logo RID Cresce il Cantiere Navale Vittoria

Nel corso del 2018 il Cantiere Navale Vittoria di Adria (Ro) ha superato i 150 milioni di euro di portafoglio ordini, con 28 milioni di fatturato ed un margine operativo lordo (EBITA) di un milione di euro. Le previsioni per i prossimi anni sono molto buone con incrementi del fatturato e del margine operativo lordo. Certamente il “colpo grosso” del 2018 è stato rappresentato dal contratto, siglato la scorsa estate, per un Offshore Patrol Vessel da 1.800 t di dislocamento e 74,8 m di lunghezza destinato alle Forze Armate Maltesi che lo hanno battezzato P-71. Si tratta di una commessa che da sola vale oltre 48,5 milioni di euro e che è arrivata in una competizione contro altri 11 grandi cantieri europei e mondiali. Solo per citare la fase finale della gara, la proposta del Cantiere Navale Vittoria, poi risultata vittoriosa, si è trovata in competizione contro i progetti degli olandesi del gruppo Damen (una realtà con un fatturato di circa 4 miliardi di euro) e dei britannici di Babcock (una società che ha un fatturato di oltre 50 miliardi).

a cura di
anteprima logo RID La Francia prova uno strike nucleare

L'Aeronautica Francese si esercita nella sua missione di dissuasione nucleare. Simulata una missione di ben 11 ore, su grandi distanze, con il lancio di un missile ASMP-A. Questi eventi sono poco frequenti, ma fanno parte del regolare ciclo addestrativo dell'Aeronautica. 

a cura di
anteprima logo RID Consegnato primo RAFALE al Qatar

Fra il 2015 e il 2017 il Qatar ha ordinato caccia da Francia, Regno Unito e Stati Uniti, avviando un potenziamento senza precedenti per la sua Aeronautica. Il primo di 36 RAFALE in ordine è stato consegnato il 6 febbraio. 

a cura di
anteprima logo Marina Italiana Nave MARGOTTINI in Pakistan

La FREMM, nell’ambito della Campagna Navale in Medio Oriente e Mar Arabico, parteciperà in questi giorni all’esercitazione AMAN organizzata dalla marina pakistana.

a cura di
anteprima logo RID Nuovi sottomarini per l’India

Il Defence Acquisition Council (DAC) indiano ha approvato il Project-75(I) (India) per la costruzione nei cantieri nazionali di 6 nuovi sottomarini ad un costo previsto superiore a 400 miliardi di rupie (5,68 miliardi di dollari). Il requisito per questi nuovi battelli era stato approvato già nel 2007, ma soltanto ora è uscito dall’immobilismo burocratico. Nelle intenzioni, questo è il secondo progetto avviato sotto l’egida del modello Strategic Partnership (SP), che prevede che sistemi complessi della difesa, sviluppati da paesi terzi, vengano prodotti in India da un’azienda locale che diventa partner strategico del produttore originario. Il primo progetto SP ha preso avvio nell’agosto 2018 quando il MOD indiano ha autorizzato il programma d’acquisizione per 111 elicotteri utility per la Marina. Si tratta comunque in entrambi i casi di autorizzazioni preliminari, a cui dovrà seguire lo stanziamento effettivo dei fondi e la selezione del prodotto e delle industrie incaricate della produzione. Il Project-75(I) segue il Project-75, attualmente in corso, che riguarda la costruzione di 6 sottomarini del tipo SCORPÈNE, progettati da Naval Group ma costruiti nel cantiere indiano Mazagon Dock Ltd di Mumbai. I 6 sottomarini, conosciuti in India come classe Kalvari, sono il risultato di un lungo e tormentato processo d’acquisizione partito nel 1997. La costruzione ha preso avvio nel 2006 e ad oggi il primo battello è operativo, mentre altri 2 dovrebbero entrare in servizio nel corso di quest’anno. Gli ultimi 2 SCORPÈNE avrebbero dovuto essere costruiti integrando tecnologia Air Independed Propulsion (AIP) di design indiano, ma il piano è stato abbandonato nel 2017. Opzioni per 3 SCORPÈNE addizionali furono abbandonate ufficialmente nello stesso periodo. Secondo fonti di stampa indiane, per il Project-75(I), a cui si richiede propulsione AIP e capacità missilistica migliorata, si sono già fatti ufficialmente avanti Naval Group, con SCORPÈNE evoluti dotati anche di propulsione AIP, il Rubin Design Bureau russo con l’AMUR 1650, SAAB Kockums con il suo A-26 e HDW con l’U-214.

a cura di
anteprima logo RID Contratto per il nuovo caccia franco-tedesco

Con un contratto siglato il 31 gennaio scorso, Francia e Germania hanno avviato la fase di definizione del progetto Future Combat Air System e del relativo comparto industriale. Safran e MTU intanto firmano un MOU per il nuovo motore. 

a cura di