Argomento Selezionato: Difesa
anteprima Dentro il PISQ 23-06-2017

Lo scorso 1° giugno RID, grazie ad MBDA Italia, ha avuto la possibilità di partecipare ad una visita al Poligono Sperimentale e di Addestramento Interforze di Salto di Quirra (PISQ). Tale struttura rappresenta un centro di assoluta eccellenza nell’ambito dei poligoni d’addestramento nel panorama europeo e NATO. Durante la visita, il Comandante del Poligono Generale B.A. Giorgio Francesco Russo ci ha mostrato il corpo centrale della base e, in particolare, la nuova sala operativa C2 - dove si effettua il monitoraggio in tempo reale delle attività addestrative e sperimentali del poligono (Real Time Display) – ammodernata dalla Vitrociset nel 2015 con nuove console VTS e 2 server speculari che assicurano la ridondanza nella raccolta dati. Durante la visita, il Tenente Colonnello Massaiu ha effettuato una presentazione estremamente dettagliata del PISQ e delle diverse attività che si svolgono al suo interno. Fondato nel 1956 per la sperimentazione dei sistemi aerospaziali - attività che ha permesso all’Italia di disporre e lanciare i propri satelliti già negli anni ‘60 – dopo meno di un anno il PISQ cominciò ad essere utilizzato dall’Aeronautica Militare per la sperimentazione di missili di difesa aerea. Dal 1959 tale attività venne condivisa da Marina ed Esercito, trasformando il PISQ in un poligono per scopi addestrativi, sperimentali e scientifici totalmente interforze. Dal punto di vista geografico, il PISQ è suddiviso in 2 grosse aree: il poligono terrestre situato nell’area di Perdasdefogu, che copre circa 120 km², ed il poligono “a mare” del distaccamento AM di Capo San Lorenzo, situato lungo una piccola striscia costiera di 11 km². Il Poligono dispone di un’ampia rete radar localizzata principalmente su 60 km di costa (tratto strumentato concentrato soprattutto a sud, area maggiormente impiegata). Di questa rete fanno parte un radar per il controllo del traffico aereo dedicato e “linkato” alla rete dell’ENAV, uno di sorveglianza a bassa quota PLUTO per il sistema AA SPADA e alcuni radar navali impiegati per la sorveglianza e la scoperta di battelli sotto costa. Per il tracking sono 9 i radar presenti nell’area del Poligono: 6 radar in banda C refittati totalmente nel 2016, un vecchio radar NIKE utilizzato per il plottaggio o per l’utilizzo nelle attività di guerra elettronica e 2 radar doppler. Anche la suite di sensori presente nel Poligono è di tutto rispetto, tenuto conto dell’importanza che tali sistemi rivestono nelle attività del PISQ. Tra i sistemi ottici sono presenti 15 sensori CTD e 4 piattaforme elettroottiche multisensori con capacità IR performanti, soprattutto dal punto di vista di capacità angolare. Per le attività di addestramento dei piloti e di validazione di sistemi d’arma antimissile/antiaereo, il PISQ dispone di 31 droni bersaglio MIRACH di tipo 100/4 e 100/5 (quest’ultimo in servizio dal 2005) per la simulazione di caccia subsonici. I MIRACH possono trasportare 2 “sub target” subalari anche manovranti, come il bersaglio ad autopropulsione LOCUSTA, per simulare il lancio di un missile e, tramite kit supplementare, possono essere equipaggiati con sistemi di autoprotezione (chaff e flares) e lenti di Lunenberg per l’amplificazione della RCS (Radar Cross Section). Come detto, il PISQ è una struttura totalmente interforze e, in quanto tale, fornisce possibilità di addestramento e sperimentazione per ognuna delle FA italiane che ne faccia richiesta. Il periodo di attività “di fuoco” del poligono è di 8 mesi l’anno, dal 1° ottobre al 31 maggio, mentre nei 4 mesi “estivi” (1° giugno-30 settembre) non si effettuano tali attività a causa della forte presenza turistica nelle aree adiacenti. In tale periodo, tuttavia, proseguono le attività sperimentali che rappresentano il 15% del totale. Negli 8 mesi l’attività è stata estremamente intensa e, solo negli ultimi 2 anni, ha visto test su diversi sistemi d’arma ed esercitazioni complesse durate lunghi periodi. Tra i test effettuati, va menzionato quello riguardante l’UCAV europeo NEURON che nella primavera del 2015 è stato rischierato sulla base di Decimomannu, effettuando 12 voli sull’area del PISQ volti a testarne la bassa osservabilità (segnatura elettromagnetica ed infrarossa) e la capacità di ingaggiare un bersaglio in modo completamente autonomo. I voli sono stati effettuati a quote e con profili differenti e contro “minacce” rappresentate sia da radar ground-based che aerei. A ciò, ovviamente, bisogna aggiungere le attività di validazione che in passato hanno riguardato, tra l’altro, l’ottenimento della “combat capability” del Eurofighter TYPHOON, compresa l’integrazione dei suoi sistemi d’arma (eccezion fatta per il missile aria-aria METEOR), di quella relativa ai TORNADO ed AMX, dopo i rispettivi aggiornamenti di mezza vita MLU, ed il programma di digitalizzazione del missile antinave MBDA TESEO. Ulteriori approfondimenti e reportage completo sulla visita al PISQ su RID 8/2017.

a cura di Andrea Mottola
anteprima Cerimonia schieramento battaglione NATO Lettonia 19-06-2017

Il Capo di Stato Maggiore della Difesa, Generale Claudio Graziano, ha presenziato, in Lettonia, alla cerimonia per lo schieramento del quarto e ultimo Battle Group multinazionale della NATO, a cui prende parte anche l’Italia con circa 160 militari, costituito in base alla decisione assunta dai Capi di Stato e di Governo dell’Alleanza durante il Summit di Varsavia lo scorso luglio.

a cura dello Stato Maggiore Difesa
anteprima Corso Interforze Personnel Recovery 16-06-2017

Sedici frequentatori di Esercito, Marina e Aeronautica hanno terminato presso la Scuola di Aerocooperazione di Guidonia (RM), l’8° Corso Joint Personnel Recovery (JPR).

 

 

a cura dello Stato Maggiore Difesa
anteprima Conclusa esercitazione Virtual Flag 17 15-06-2017

Si è conclusa sulla base dell’Aeronautica Militare di Poggio Renatico (Ferrara) la “Virtual Flag 2017”, la prima fase della più complessa esercitazione interforze della Difesa “Joint Stars 2017”

a cura dello Stato Maggiore Difesa
anteprima Dieci miliardi in pi¨ per la Difesa 12-06-2017

Inizierà in settimana in Commissione Bilancio del Parlamento la discussione sul Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri che dà attivazione al cosiddetto "fondone" del MEF, previsto dall'ART. 1 Comma 140 della Legge di Bilancio 2017. La Commissione è chiamata esclusivamente a dare un parere. Il "fondone" comprende le risorse per il finanziamento di infrastrutture, trasporti, attività di risanamento del dissesto idro-geologico e messa in sicurezza dei territori, nonchè per il sostegno alle attività industriali ad alta tecnologia ed alle esportazioni. Si tratta di circa 46 miliardi di euro, da investire da qui al 2032, dei quali una parte significativa, circa 10 miliardi di euro, andrà alla Difesa. Grazie a questi fondi extra bilancio, la Difesa potrà finanziare importanti opere infrastrutturali e di rinnovamento, a cominciare dal completamento del cosiddetto Pentagono italiano a Centocelle, a cui dovrebbe andare un miliardo di euro, ma anche alcuni significativi programmi di procurement. La voce "attività industriali ad alta tecnologia e sostegno alle esportazioni", infatti, prevede per il Ministero della Difesa 5,3 miliardi di euro. In questo pacchetto rientrano, tra l'altro, i fondi per la nuova blindo pesante CENTAURO 2, per il veicolo ruotato da combattimento FRECCIA Seconda Brigata, per il completamento dell'acquisizione delle fregate FREMM e per nuovi programmi di procurement. E' il caso dell'acquisizione dei 4 elicotteri Boeing CH-47 ER (Extended Range) per le forze speciali dell'Esercito, alla quale dovrebbero andare circa 400 milioni di euro, e dell’avvio del programma per il sistema sup-aria MBDA CAMM ER chiamato a rimpiazzare i sistemi a base ASPIDE di Esercito ed Aeronautica.

a cura di Pietro Batacchi
anteprima Il bilancio del Pentagono 2018 09-06-2017

Il 23 maggio il Dipartimento della Difesa americano ha presentato la richiesta di budget per l’anno fiscale 2018. Il totale dei finanziamenti richiesti è di 639,1 miliardi di dollari - 52 in più rispetto al tetto stabilito dal Budget Control Act del 2011 e un incremento dell’8,9% rispetto all’ultimo budget presentato dall’amministrazione Obama – suddivisi in 574,5 miliardi di budget base e 64,6 destinati al fondo per le missioni all’estero (overseas contingency operations - OCO). Per quanto riguarda le singole Forze Armate, per l’US Army ci sono 166 miliardi (+ 9,9% rispetto al budget approvato nel 2017) di dollari, suddivisi in 137,1 di budget base più 28,9 miliardi destinati alle OCO (3,2 dei quali stanziati per la European Reassurance Initiative, 1,8 per l’addestramento e il ri-equipaggiamento delle Forze di Sicurezza irachene e delle milizie siriane anti-Assad e 4,9 miliardi per il fondo destinato alle Forze di Sicurezza afghane). Di questi fondi, 65,6 miliardi sono inclusi nella voce “Operazioni e Manutenzione” (O&M) e contribuiranno a finanziare le attività di manutenzione e supporto e la riorganizzazione della Forza Armata – che accrescerà i propri organici di 38.000 uomini, arrivando a 1.018.000 soldati (476.000 in servizio attivo, 199.000 appartenenti alla Riserva e 343.000 alla Guardia Nazionale) -, tra cui la creazione di 2 nuove SFAB (Security Force Assistance Brigade, ne sono previste 6, il cui compito è operare come pedine per le operazioni di assistenza e mentoring liberando da questi compiti le brigate combat), e la conversione di una brigata di fanteria (il 2th Brigade Combat Team della 3ª Divisione di Fanteria di Fort Stewart) in una brigata corazzata. Tra le principali richieste di procurement, finanziate da 18,4 miliardi (642 in meno rispetto al 2017), 1 miliardo sarà destinato all’acquisto di 48 elicotteri UH-60 BLACKHAWK, 936 milioni all’ammodernamento di 50 AH-64E APACHE e all’acquisto di 13 nuovi elicotteri, e 108,3 milioni ed all’acquisizione di 13 elicotteri utility leggeri UH-72A LAKOTA. Riguardo ai veicoli, sono previsti 804,4 milioni per l’acquisto di 2.110 JLTV (la cui IOC è prevista per il 2018), 447,6 milioni per 107 cingolati AMPV (Armored Multi-Purpose Vehicle), per il rimpiazzo dei venerabili M113, 772 milioni per l’ammodernamento di 71 obici M-109A7 PALADIN, 178,2 milioni per la nuova variante dei blindati STRYKER con la mitragliera da 30 mm, 41 milioni per 100 nuovi Ground Mobility Vehicle, mentre nel settore dei corazzati, sono stati stanziati 1,1 miliardi per la modernizzazione di 56 carri armati ABRAMS alla variante A2V3 e di 60 M2 BRADLEY (200 milioni). La richiesta di finanziamenti dell’US Navy – che include anche i fondi destinati ai Marines - si attesta a 180 miliardi di dollari, corrispondenti ad un aumento di 12,6 miliardi (+7%) rispetto al budget del 2017. Di questi fondi, 171,5 sono destinati al budget base e 8,5 alle OCO. Rispetto al budget 2017 approvato dal Congresso, restano invariati i 19,9 miliardi destinati alla costruzione di 8 navi: la seconda portaerei classe FORD JOHN F. KENNEDY (costo 4,6 miliardi), 2 sommergibili d’attacco a propulsione nucleare classe VIRGINIA (5,5 miliardi), una coppia di cacciatorpediniere AEGIS classe ARLEIGH-BURKE Flight III (4 miliardi), una LCS, un rimorchiatore d’altura ed una nave da rifornimento classe JOHN LEWIS. Alla fine del 2018, la Marina disporrà di 292 navi (282 entro la fine di quest’anno) – di cui 11 portaerei e 32 navi anfibie – rispetto alle 275 risalenti alla seconda metà del 2016. Entro la fine del 2018, l’US Navy introdurrà in servizio 12 nuove navi (2 sottomarini classe VIRGINIA, 4 LCS, 2 EFP (Expeditionary Fast Transport) classe SPEARHEAD, una Expeditionary Mobile Base  classe LEWIS PULLER e 3 cacciatorpediniere, di cui uno ZUMWALT) a fronte di 2 navi che verranno ritirate dal servizio (la LPD PONCE, dal 2012 trasformata in Afloat Forward Staging Base, e il sommergibile d’attacco a propulsione nucleare BREMERTON, classe LOS ANGELES). Nella voce riguardante il procurement di nuovi mezzi, finanziati con 15,1 miliardi, la componente aerea di Marina e Marines otterrà 91 velivoli: 24 F-35B/C LIGHTNING II (suddivisi in 4 F-35C destinati alla Marina, per 845 milioni complessivi, e 20 F-35B STOVL per i Marines, finanziati con 2,8 miliardi), 14 F/A-18E/F SUPER HORNET (1,3 miliardi), 5 velivoli AWACS E-2D ADVANCED HAWKEYE (1,1 miliardi), 7 pattugliatori P-8A POSEIDON (1,6 miliardi), mentre i Marines riceveranno 2 aerocisterne KC-130J HERCULES, 22 tra elicotteri d’attacco AH-1Z VIPER e utility UH-1Y (721 milioni complessivi), 4 elicotteri CH-53K KING STALLION (1,1 miliardi) e 6 convertiplani MV-22 OSPREY (707 milioni). Il budget richiesto per l’Aeronautica è di 183,2 miliardi di dollari - 11,6 miliardi in più (+6,8%) rispetto al budget 2017 - dei quali 17,5 destinati alle OCO, 24,7 miliardi per il procurement, 49,2 per la voce O&M e 25,4 miliardi per il settore “ricerca, sviluppo, test e valutazioni”. A proposito di quest’ultima voce, i maggiori incrementi rispetto 2017 riguardano la R&S del nuovo bombardiere B-21 - che passa da 1,36 miliardi stanziati lo scorso anno, ai 2 miliardi richiesti per il 2018 (+47%) – , il programma per il prossimo caccia di 6ª Generazione, - che vede uno stanziamento di 295 milioni rispetto ai 21 allocati lo scorso anno, le attività di ricerca dedicate alla sostituzione del Air Force One - pari a 434 milioni, un aumento rispetto ai 351 richiesti lo scorso anno, il programma riguardante l’acquisizione di un nuovo velivolo JSTARS, al quale sono destinati 417 milioni, rispetto ai 128 dello scorso anno e, infine, la ricerca e sviluppo del nuovo elicottero CSAR che vede un incremento di 81 milioni (273 nel 2017, 354 per il budget 2018). Il procurement di mezzi per il 2018 prevede l’acquisizione di 46 F-35A LIGHTNING II - 2 in più rispetto a quanto previsto lo scorso anno, ma 2 in meno rispetto ai 48 acquisiti nel 2017 – per 5,4 miliardi, un miliardo per 16 UAV MQ-9 REAPER (cifra comprendente suite sensoristiche e di comunicazioni), 608 milioni per l’acquisizione di 5 MC-130J e 2 HC-130J, mentre resta stabile a 15 il numero dei nuovi aerorifornitori KC-46A PEGASUS per i quali vengono richiesti 3,1 miliardi. Inoltre, nella proposta di budget non viene fatto alcun riferimento ad una data di ritiro dal servizio per i 283 A-10 WARTHOG, agli U-2 DRAGON LADY ed agli F-15C/D EAGLE, con questi ultimi che, anzi, si preparano a ricevere l’upgrade 2040C.

a cura di Andrea Mottola
  1 2 3 4 5 6 7 8 Next >>