LEONARDO
RID Articoli Mese
Argomento Selezionato: Geopolitica
anteprima logo RID La Turchia contro l’ENI

Si intensificano i timori per la stabilità del bacino del Mediterraneo Orientale. Nel corso di un’intervista il Ministro degli Esteri turco Mevlüt Çavu?o?lu ha ribadito l’opposizione di Ankara alle future campagne di esplorazione e trivellazione di ENI nella ZEE cipriota. Ricordando gli eventi dello scorso febbraio che coinvolsero la nave SAIPEM12000, Cavu?o?lu ha affermato che Ankara non permetterà alcuna attività futura sino a quando non saranno riconosciuti i diritti dei turchi di Cipro Nord. Diritti peraltro supportati dalla sola Ankara e non riconosciuti nè dall’ Unione Europea, nè dagli USA. Un potenziale focolaio di gravissime crisi regionali che coinvolgerebbero i sempre più consistenti interessi strategici italiani. Ad aggravare i timori ci sono anche alcuni riferimenti all’Egitto, provenienti da più fonti. Sempre il Ministro degli Esteri Cavu?o?lu ha dichiarato che la Turchia supporterà la Fratellanza Musulmana egiziana (ma questa non è una novità essendo l’AKP, il Partito di Erdogan, una sorta di derivazione turca dei Fratelli), criticando aspramente il Governo del Presidente Sisi, che viene nel frattempo definito “Sionista” da organi di stampa turchi, al pari del Principe saudita Mohammed bin Salman e del Principe emiratino Mohammed bin Zayed. La possibile estensione della strategia della tensione turca al Paese africano viene seguita con molta attenzione sia dal Cairo che da Atene e Nicosia. I tre Paesi hanno creato una collaborazione trilaterale che si è manifestata nella sigla di diversi accordi di cooperazione ed in ingenti esercitazioni militari interforze (MEDUSA). Alla recente MEDUSA 2018 conclusasi a fine giugno nella ZEE del Cairo, hanno preso parte per l’Egitto la LHD GAMAL ABDEL NASSER (L1010, classe MISTRAL), 2 fregate, un sottomarino, 6 F-16, 2 RAFALE ed un E-2C. Da parte greca si è avuta la partecipazione di 2 fregate, un sottomarino, 8 F-16 (4 dei quali rischierati in Egitto), un EMB-145H EREYE, un C-130H, oltre ad elicotteri AH-64D e CH-47, rischierati per l’occasione sulla Gamal Adbel Nasser. Per Cipro hanno partecipato l’ OPV P61 “Commodoro Andreas Ioannides” (classe SAAR 62), nave di punta della piccola Marina isolana. Nuclei di forze speciali dei tre Paesi hanno completato l’esercitazione. Secondo fonti di stampa egiziane, anche le Forze Armate italiane sono state invitate a partecipare in futuro alle esercitazioni MEDUSA.

anteprima logo RID Le minacce di Trump e il burden sharing

Secondo alcune agenzie di stampa, il Presidente Trump avrebbe minacciato di far uscire gli USA dalla NATO se gli alleati non spendono di più per la Difesa. Fonti NATO hanno smentito pur confermando i toni duri di Trump durante la seconda giornata del Summit NATO. Da giorni, del resto, il Presidente americano si scaglia contro gli alleati, accusati di "free riding", e, soprattutto, contro la Germania, sentita come un pericoloso concorrente commerciale da ridimensionare. Al di là della conferma o meno della minaccia di Trump, l'atteggiamento del Presidente ci sembra controproducente e potrebbe innescare, da un lato, fenomeni sempre più spinti di aggregazione militare in Europa e, dall'altro, incentivare gli stati revisionisti a cambiare le architetture di sicurezza in altri scacchieri regionali.

anteprima logo RID Quale sicurezza per Balcani e Mediterraneo centro-orientale?

Con la recente rielezione del Presidente turco Recep Tayyip Erdo?an, coronata dalla maggioranza assoluta in parlamento ottenuta dalla coalizione di riferimento fra i Partiti AKP e MHP dell’ultranazionalista Devlet Bahceli, si rafforzano i timori di instabilità nel bacino del Mediterraneo centro orientale e della penisola balcanica, da sempre una delle aree di riferimento per la sicurezza e lo sviluppo italiano.

anteprima logo RID NATO: nuove minacce globali e futuro

Venerdì 15 giugno si è svolto alla Camera dei Deputati il seminario “NATO versus the new global threats”, organizzato dalla NATO Foundation in collaborazione con il Balkan Trust for Democracy, e con il supporto della Delegazione italiana all’Assemblea Parlamentare della NATO.

anteprima logo RID Diplomazia della violenza e stile Trump

Il tanto atteso incontro c'è stato. Stanotte, ore 03:00 italiane, il Presidente americano Trump e quello nordcoreano Kim Jong Un si sono incontrati sull'isoletta di Sentosa, classica meta turistica per tutti coloro che decidono di visitare la straordinaria città stato di Singapore. Il vertice sembra essere stato un successo e le 2 parti sono state unanimi nel rimarcarne il carattere storico e di svolta. E' stato firmato anche un documento, i cui contenuti non sono però del tutti chiari, nel quale si dovrebbero gettare le basi per il disarmo nucleare della Corea del Nord e per un Trattato di Pace tra Pyongyang e Seul che ponga anche tecnicamente e legalmente fine alla Guerra di Corea. Al di là delle intese, e di come e se queste verranno implementate, il vertice è storico perchè ha portato assieme attorno allo stesso tavolo 2 storici nemici creando i presupposti per un ulteriore allentamento delle tensioni regionali. Di chi il merito? Sicuramente, le pressioni cinesi su Kim, con il taglio dell'assistenza alimentare ed energetica ai minimi dopo l'ultimo test nucleare, hanno avuto un peso determinante nell'ammorbidire la posizione della leadership del "regno eremita". In altri termini per Pechino si era arrivati ad un punto di rottura e c'era il rischio di un intervento americano nel "guardino di casa”: un rischio inaccettabile per la Cina. Ma nel conto va messo anche il cosiddetto "stile Trump", ovvero quell'approccio che nella negoziazione di un dossier si basa tutto sull’abboccamento bilaterale accompagnato, quando necessario, dalla minaccia dell'uso della forza militare. Siamo sul terreno della diplomazia della violenza, o diplomazia coercitiva se si preferisce, dove la minaccia dell'impiego della forza – resa credibile dalla volontà di usarla e dall'efficacia delle soluzioni eventualmente da intraprendere per darvi corso – si accompagna alla negoziazione ed alla comunicazione con l'avversario al quale viene lasciata la possibilità di scegliere tra scontro, con danni per lui sproporzionati, o accordo, con benefici comunque superiori. Un terreno scivoloso e pericoloso, certo, ma un terreno su cui il Presidente Trump sembra sapersi muovere con sicurezza e la necessaria spregiudicatezza. E una lezione, anche; soprattutto per chi come il nostro Paese deve trattare dossier altrettanto difficili come la Libia (o le piattaforme in Egeo e nel Mediterraneo) negandosi per principio la possibilità di far ricorso anche alle Forze Armate ed alla flessibilità propria della diplomazia della violenza.

anteprima logo RID Libia: nulla di fatto a Parigi

Si è risolta in un sostanziale nulla di fatto, o quasi, la conferenza sulla Libia di Parigi voluta dal Presidente francese Macron nel bel mezzo della grave crisi politico-istituzionale italiana. L'appuntamento, infatti, si è concluso con una dichiarazione, nella quale si chiedono elezioni il 10 dicembre e la riunificazione a Tripoli delle istituzioni libiche, che però non è stata sottoscritta formalmente. Si tratta, dunque, di un impegno vago, così come molto vaghe sono anche le conseguenze minacciate verso chi dovesse ostacolare il processo elettorale. In realtà, la conferenza è stata minata già in apertura dall'aperto boicottaggio sottoscritto da 13 milizie libiche, tra cui quelle molto potenti dei "consigli" di Misurata e Sabratha. Peggio, tra i firmatari del comunicato (dietro il quale non è da escludere la "manina" dell'intelligence italiana...ma trattasi di mera congettura...) di boicottaggio c'era anche il "consiglio" di Zintan, città berbera dell'ovest tradizionalmente alleata di Haftar, ma che negli ultimi mesi si è distanziata dal Generale per riavvicinarsi agli storici nemici di Misurata. Un handicap che ha segnato non poco la conferenza, annacquandone di molto i risultati, e che più di ogni altra cosa ha dimostrato ancora una volta chi è il vero padrone della Libia: la milizia ed il potere locale – a base tribal-criminale – di cui è espressione.

  1 2 3 4 5 6 7 8 Next >>