Argomento Selezionato: Difesa
anteprima KFOR addestrano protezione Monastero Decane 12-07-2017

Belo Polje– 12 luglio 2017- i militari italiani impiegati nella missione KFOR nei giorni scorsi hanno concluso un’articolata esercitazione sulle procedure di controllo della folla e sulla gestione dell’ordine pubblico in occasione di turbative o di concentrazione di masse ostili in prossimità del Monastero di Decane, dichiarato dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità e protetto dal contingente KFOR.

a cura dello Stato Maggiore Difesa
anteprima Italy considers role in Mosul and Raqqa 12-07-2017

Italy will participate in the reconstruction of the city of Mosul, just liberated from the so called Islamic State. The Italian commitment has been expressed in a bilateral meeting in Washington between the Pentagon Chief James Mattis and Italian Defence Minister Roberta Pinotti. Mattis has explained that the administration and public order in Mosul cannot leave in the hands of the Iraqi Army and the affiliated militias. The city needs local police forces to be rebuilt and trained, a task perfectly suited for the Italian Carabinieri that the US Def. Sec. praising during the opening section of the press conference. The Italian Defence Minister Roberta Pinotti has confirmed her country's availability to join security and stabilization operations in Mosul but maintaining "the present numbers of our mission". Italy has currently 1.400 soldiers in Iraq, 500 of them deployed to protect the Mosul's dam. By the end of this year, the work at Mosul's dam should be completed and the 500 soldiers could be replaced by trainers to be deployed to Mosul to form local police forces. At the same time Roberta Pinotti said to the Italian press that Italy is ready to also assess any possible commitment in Syria if there will be the right political conditions and when the city of Raqqa will be liberated.

a cura di Pietro Batacchi
anteprima Al Generale Farina il Freedom Awards 2017 10-07-2017

In occasione del Global Forum svoltosi a Varsavia il 6 e7 luglio, l'Atlantic Council riconoscendo il ruolo della NATO come garante della libertà ha attribuito il “Freedom Awards 2017” della sicurezza e della difesa all'iniziativa della NATO di costituire la enhanced Forward Presence (eFP) basata su 4 Battle Groups (BGs) multinazionali schierati nei tre Paesi Baltici e Polonia.

a cura dello Stato Maggiore Difesa
anteprima Elettronica: addestrarsi con ELEPHANT 10-07-2017

Elettronica ha messo recentemente a punto un servizio per l'addestramento alla guerra elettronica denominato ELEPHANT. Il cuore di questo pacchetto, che comprende anche supervisione, assistenza, ecc, è costituto dall'EW Battlelab, ovvero un laboratorio completamente modulare e digitale capace di permettere a varie tipologie di operatori che hanno a che fare con la guerra elettronica di addestrarsi in maniera joint ed integrata. In pratica, l'EW Battelab simula sia le prestazioni che l'interfaccia di tutti i sistemi di guerra elettronica – RWR, ELINT, COMINT, MWR, ecc. - l'interazione con i loro target – radar, seeker, radio, ecc. - e così facendo permette al personale di addestrarsi in uno scenario di guerra elettronica estremamente realistico e ricco. L'EW Battlelab ha un'architettura modulare basata su building block di tipo plug-in con i quali è possibile simulare svariate tipologie di sistemi ed arricchire o meno gli scenari a seconda della tipologia di utente da addestrare. I building block, costituiti da applicativi software, possono riguardare sistemi ELINT, COMINT, CEMS, RADAR, e, persino, una suite di autoprotezione elettronica su 3 livelli: da un più basico con solo RWR ad uno più completo con RWR, MWR, ECM, dispenser chaff and fare ed LWR. Tali applicativi possono essere "pluggati" al core del sistema che riunisce la capacità basiche quali il modulo di propagazione elettromagnetica, i cosiddetti computer generated forces, i sistemi di comunicazioni, i tool di debriefing e registrazione e così via. Nel dettaglio il Battle Lab garantisce la formazione di: EW Commander (collettore delle informazioni per determinare la Electronic Order Of Battle e dare le giuste indicazioni al team); operatori di sistemi EW sia comunicazioni che radar (ESM/ECM/CESM/Radar…); piloti di piattaforme protette da suite di autoprotezione. Infatti, per tutte le 3 categorie l’uso degli apparati EW è fondamentale. Onde massimizzare l’efficacia della formazione, ad ognuno di essi è fornita, nel Battlelab, una postazione il più possibile simile a quella che troverà in operazione. Dunque, per l’EW Commander è disponibile un un tavolo tattico, per gli operatori di sistemi EW una console a 2 schermi, mentre per i piloti è disponibile una replica di una vera e propria pilot station. La pilot station è “riconfigurabile” per poter rappresentare al meglio i comandi di un caccia (tipicamente equipaggiato con joystic, pedaliera e throttle), di un aereo da trasporto (cloche, pedali e throttle) o un elicottero (ciclico, collettivo e pedaliera). A questi comandi si aggiungono il cockpit e 4 pannelli touchscreen laterali che ospitano le GUI (Graphic User Interface) degli apparti EW, inclusa la radio per le comunicazioni. Anche questi, essendo appunto touchscreen, sono configurabili per assomigliare a quelli reali. ELEPHANT è già proposto sul mercato come una soluzione chiavi in mano che quindi include l’installazione in sito e la formazione del personale. I tempi per l’operatività del sistema presso i clienti sono di 24 mesi.    

a cura di Pietro Batacchi
anteprima Generale Graziano alla sede dell'ONU 07-07-2017

"Il carattere multidimensionale, incerto e transnazionale dell'attuale minaccia determina un rischio globale rispetto al quale nessun Paese può ritenersi immune". Il Capo di Stato Maggiore della Difesa, Generale Claudio Graziano, ha così iniziato la sua analisi sull'attuale scenario geopolitico internazionale durante la conferenza dei Capi di Stato Maggiore della Difesa presso la sede delle Nazioni Unite a New York...

a cura dello Stato Maggiore Difesa
anteprima Libano: militari italiani addestrano FA libanesi 07-07-2017

Con la cerimonia di consegna degli attestati, il Comandante della missione Militare Bilaterale Italiana in Libano (MIBIL), Generale di Brigata Salvatore Radizza, ha formalmente dichiarato conclusa la sessione formativa denominata “Scorta detenuti” organizzata in favore di 25 elementi delle Forze Armate Libanesi (LAF) appartenenti a reparti di Polizia Militare...

a cura dello Stato Maggiore Difesa
  1 2 3 4 5 6 7 8 Next >>