LEONARDO
RID Articoli Mese
Notizie a cura di RIDlogo RID
anteprima logo RID Varato il terzo DDG1000 ZUMWALT

Presso i cantieri Bath Iron Works di General Dynamics è stato varato il terzo incrociatore polivalente classe ZUMWALT. L’unità, denominata USS LYNDON B. JOHNSON, è caratterizzata come le 2 gemelle da un rivoluzionario scafo con sovrastruttura monoblocco, murate inclinate verso l’interno e prua fendi-onda, e da un dislocamento a pieno carico di oltre 15.000 t. Tra gli equipaggiamenti ricordiamo, tra l’altro, il radar AESA in banda X AN/SPY-3 – sensore multifunzionale a 3 facce planari fisse, ma anche con capacità di ricerca volumetrica a grande distanza - i 20 moduli di lancio verticali periferici rettangolari MK57 – ogni modulo è dotato di 4 celle, ciascuna in grado di contenere da 1 a 4 missili a seconda della tipologia- ed i 2 cannoni per il tiro contro-costa da 155 mm AGS (Advanced Gun System). Con l’US Navy i DDG1000 assolvono principalmente il compito di attacco in profondità, supporto alle operazioni a terra e deterrenza di alto profilo in scenari convenzionali.

anteprima logo RID L’F-35 inizia la IOT&E

Dopo ritardi e slittamenti, l’ultimo dei quali questa estate, l’F-35 ha ufficialmente iniziato la IOT&E (Initial Operational Test & Evaluation), ovvero la campagna di test che servirà a valutare le capacità operative del velivolo e la sua supportabilità/sostenibilità, ed a validarlo per partire con la produzione di serie il prossimo anno. garantendo al contempo, come auspica Lockheed Martin, la completa stabilizzazione del software. Per mitigare le conseguenze di tali ritardi, dovuti, non dimentichiamolo, anche al fatto che l’F-35 ha completato il suo sviluppo solo la scorsa primavera (anche se formalmente lo sviluppo si concluderà solo una volta terminata la IOT&E), con 6 anni di ritardo rispetto a quanto previsto, durante quest’anno si sono svolti dei test pre-IOT&E per valutare la dispiegabilità del velivolo, l'operatività alle bassissime temperatura, l’impiego in scenari con bassi livelli di minaccia, ecc. La IOT&E riguarda 23 velivoli in configurazione Block 3F appartenenti a tutte e 3 le varianti F-35: 6 F-35A in versione CTOL dell'US Air Force, 6 F-35C CV dell'US Navy, 6 F-35B STOVL dei Marines, 3 F-35B STOVL della Royal Air Force e 2 F-35A CTOL dell'Aeronautica dei Paesi Bassi. Secondo quanto recentemente dichiarato dal JPO (Joint Program Office), i test dovrebbero concludersi a fine estate 2019.

anteprima logo RID L'IRST Leonardo SKYWARD su UAV

Leonardo ha ricevuto un contratto per la fornitura di una variante dell'IRST SKYWARD – sistema in corso di fornitura a Saab per equipaggiare i GRIPEN E (SKYWARD-G, nella foto) e che farà da base all'IRST del futuro caccia nazionale sudcoreano KF-X (SKYWARD-K) – ad un Paese dell'Estremo Oriente. Il sistema, denominato SKYWARD-AB, verrà montato a bordo di un innovativo UAV in fase di ultimazione per compiti aria-aria. La consegna del primo SKYWARD-AB è prevista per settembre 2019. Ricordiamo che l'impiego di UAV in contesti aria-aria è già stato sperimentato dall'USAF – che a settembre ha reso noto l'abbattimento di un drone da parte di un UAV tipo MALE MQ-9 REAPER del 432nd Air Expeditionary Wing. Lo stesso Giappone ha da tempo panicato l'acquisizione di UAV "gregari" con capacità di autodifesa per l'impiego in associazione ai caccia pilotati. Dettagli e approfondimenti sul prossimo numero di RID.

anteprima logo RID Il Giappone aggiorna gli F-15J

Il Giappone starebbe pianificando la nuova fase di aggiornamento della sua flotta di F-15 EAGLE.

anteprima logo RID Kerch e l’Information Warfare

Il 25 novembre navi ucraine dirette da Odessa a Mariupol sono intercettate e speronate da navi russe nello Stretto di Kerch.

anteprima logo RID Il CAVOUR a Taranto per lavori

La portaerei della Marina Militare CAVOUR è entrata oggi nell’arsenale di Taranto per una sosta lavori di adeguamento che la manterrà fuori dal servizio fino all’estate 2020. Nel video e nella foto vediamo la nave passare per la prima volta dal ponte girevole, mediante una manovra molto complessa con soli 7 m di margine, per entrare nel Mar Piccolo e raggiungere l’arsenale. La componente imbarcata su HARRIER passerà in carico adesso al GARIBALDI che tornerà ad ricoprire il ruolo di ammiraglia della flotta italiana. Una volta terminati i lavori, nel 2020, il CAVOUR si recherà negli Stati Uniti per imbarcare i primi F-35B.

  1 2 3 4 5 6 7 8 Next >>