LEONARDO RID Articoli Mese Fincantieri Viaggi Avio Corso FI
Notizie a cura di RIDlogo RID
anteprima logo RID CY4GATE: accordo con la NATO

CY4GATE ha siglato un nuovo accordo di partnership con la NATO per la condivisione di informazioni riguardanti le minacce cibernetiche.

anteprima logo RID Altri 40 Su-30MKI per l’India?

L’India sta valutando l’acquisto di altri 40 caccia multiruolo biposto Su-30MKI, variante indiana del Su-30 russo equipaggiata con avionica francese (HUD/HMS e sistema di navigazione Thales/Samtel) ed israeliana (suite EW e pod targeting LITENING). 

anteprima logo RID La Russia testa l'ICBM BULAVA

L’agenzia russa TASS ha comunicato che il sottomarino strategico a propulsione nucleare YURI DOLGORUKY (PROJECT 955, classe BOREI) ha effettuato una serie di 4 lanci per testare altrettanti missili intercontinentali a testata nucleare (chiaramente non montata in questa occasione) BULAVA (SS-N-X30 per la NATO, missile dotato di 6 testate di rientro ed accreditato di una portata di oltre 8.000 km). Secondo quanto comunicato dalla Marina Russa, i test avrebbero avuto successo. I primi 3 sottomarini classe BOREI immessi in servizio hanno avuto seri problemi di messa a punto e alcune fonti hanno riportato gravi lacune progettuali e costruttive. Questo ne ha ritardato sia l’ingresso in servizio che il raggiungimento della piena capacità operativa. Analogamente, il programma BULAVA ha accumulato ritardi ed è stato conosciuto finora per la scarsa affidabilità (9 lanci falliti su 20 tra il 2004 e il 2014). Dunque, questi test potrebbero indicare il superamento di alcuni problemi.

anteprima logo RID CAEX I 2018: l’AVES si addestra

L’Aviazione dell’Esercito (AVES) sta effettuando l’esercitazione CAEX I 2018 (Complex Aviation Exercise):

anteprima logo RID Upgrade e acquisto di nuovi F-15I per Israele

Il Governo israeliano sarebbe pronto ad acquisire un ulteriore lotto di 25 cacciabombardieri pesanti F-15I RA’AM, contemporaneamente all’aggiornamento dell’attuale flotta di 25 velivoli. Il potenziale acquisto di nuovi RA’AM, il cui costo dovrebbe essere di poco superiore ai 4 miliardi di dollari, sarebbe “sponsorizzato” dallo Stato Maggiore dell’Aeronautica israeliana che preferirebbe il procurement di nuovi F-15I rispetto ad un ulteriore ordine per un eventuale terzo squadrone di F-35I (recentemente utilizzati in combattimento nel teatro siriano). La ratio di tale scelta starebbe nella capacità di trasporto di un maggior carico bellico da parte dei RA’AM rispetto ai LIGHTNING II, elemento fondamentale in caso di un conflitto prolungato, ferme restando le fondamentali capacità stealth, networkcentriche e di “aspirapolvere elettronico” degli F-35, soprattutto nelle fasi iniziali di un eventuale conflitto. Ulteriori approfondimenti su RID 7/18.

anteprima logo RID Siria: Israele ha impiegato l’F-35

Dopo tanti rumors, e pure dopo le anticipazioni di RID, adesso è ufficiale: l'Aeronautica Israeliana ha impiegato per la prima volta in combattimento in Siria i caccia multiruolo a bassa rilevabilità Lockheed Martin F-35. Lo ha reso noto il Comandante dell’Aeronautica dello Stato Ebraico, Generale Amikam Norkin, durante una conferenza a Herzliya, sobborgo a nord di Tel Aviv, precisando che il velivolo sarebbe stato impiegato almeno in 2 occasioni. Il Generale ha dunque confermato che i velivoli sono operativi e che la forza aerea israeliana è la prima al mondo ad utilizzarli in operazioni di combattimento. Attualmente l’Aeronautica Israeliana ha in servizio 9 F-35I ADIR. I velivoli al momento dovrebbero avere una configurazione standard, ma in futuro gli F-35 israeliani riceveranno apparati di guerra elettronica (in particolare sistemi di jamming che raddoppieranno le capacità in questo campo del radar Northop Grumman APG-80) ed armamenti di produzione nazionale.

  1 2 3 4 5 6 7 8 Next >>