a cura della Rivista Italiana Difesa
Siria: siamo alla svolta? data: 28-06-2017 a cura di: Pietro Batacchi e Andrea Mottola

La guerra civile siriana, o, come l'abbiamo sempre chiamata su RID, la guerra mondiale siriana, sembra giunta ad una svolta. Il collasso della Stato Islamico, che sta perdendo la “capitale” Raqqa, ed arretrando ovunque nella Siria centro-orientale, dopo aver sostanzialmente perso tutta la fascia di confine con la Turchia nel nord della Siria, ha creato un vuoto che altri hanno subito riempito. Questo discorso vale per le forze governative, che hanno lanciato una grande offensiva verso il confine con l’Iraq, partendo dall’area di Homs e Palmira, per ricongiungersi con le Pupular Mobilzation Unit (ormai pienamente integrate nella struttura delle FA irachene), per i Curdi-siriani, che stanno sostenendo lo sforzo principale per la conquista di Raqqa, e per le forze filo-turche impegnate ad allargare la propria sfera di influenza nel nord della Siria per impedire la formazione di un’entità curda autonoma. In questa nuova fase della guerra civile siriana, si sono inseriti a pieno titolo anche gli Americani appoggiando in maniera massiccia l'offensiva arabo-curda su Raqqa e sostenendo i gruppi ribelli nel quadrante sud-orientale. Al di là della lotta all’IS, ormai sconfitto, l’obbiettivo di Washington è duplice. Da un lato, arginare le tensioni tra Curdi e Turchi nel nord della Siria, impedendo uno scontro aperto, dall’altro, ostacolare il più possibile il ricongiungimento tra governativi e PMU ed evitare che i primi occupino una fetta troppo ampia di confine tra Siria e Iraq. In entrambi i casi, gli Americani hanno di fronte difficoltà significative a fronte di un coinvolgimento sul terreno troppo limitato. E, se le tensioni tra Turchi e Curdi, sembrano ad un passo dall'escalation, i governativi sono ormai in possesso di quasi 100 chilometri di confine con l’Iraq. Sul fronte settentrionale la Turchia sembra pronta all’offensiva contro il cantone curdo-siriano di Afrin, dove negli ultimi giorni si sono registrati scambi di artiglieria e scontri regolari tra YPG e forze dell’FSA filo-Ankara. Dallo scorso 21 giugno, diversi veicoli turchi hanno attraversato il confine con la Siria dirigendosi verso Azaz, da cui potrebbe partire l’offensiva sulla vicina Afrin. Nell’area di Raqqa, invece, lo scorso 6 giugno è partita l’offensiva finale guidata dalle forze arabo-curde dell’YPG - sostenute dagli Stati Uniti - per la conquista della “capitale” del Daesh. Al momento la battaglia si sta portando verso la città vecchia, dove si stima la presenza di almeno 3.300 miliziani jihadisti. La direttrice principale dell’offensiva è quella proveniente da nord, in particolare dall’area nei pressi dell’ex base della 17ª Divisione dell’Esercito Siriano, ora divenuta centro di comando delle forze curde impegnate nell’offensiva. Le altre 2 direttrici sono quella proveniente da ovest (al-Jazrah, al-Qadisiyyah e Yarmouk, sedi di intensi combattimenti) e quella da est/nordest (Nazah, zona cimitero e zuccherificio). Più ad ovest, i governativi hanno ripreso il possesso della Piana di Maskanah, situata tra Raqqa ed Aleppo, area a cui non avevano accesso dai primi mesi del 2013. Da Maskanah i governativi hanno proseguito prima verso sud, prendendo il controllo sull’autostrada 42 che collega Ithriyah e la città archeologica di Resafa, per poi dirigersi ad est, proprio verso Resafa, ormai quasi liberata dalle forze del Daesh. Molto attivo, nelle ultime settimane, pure il fronte orientale. Lo scorso 31 maggio durante un raid aereo nella provincia di Deir Ezzor, gli Stati Uniti hanno eliminato il “Gran Mufti” del Califfato, Turki al Binali, la cui morte è stata confermata dagli stessi americani il 19 giugno. Ad esso, il 16 giugno, si è aggiunto Fawaz Muhammad Jubayr al Rawi, capo delle operazioni finanziarie del Daesh, anch’egli ucciso in seguito ad un raid americano nell’area di Deir Ezzor. Ma la situazione potenzialmente più esplosiva è quella al confine tra Iraq e Siria, dove nelle scorse settimane l’USAF ha abbattuto un cacciabombardiere siriano Su-22 e colpito colonne governative che si stavano avvicinando troppo al posto di confine di Al Tanf, dove SOF e consiglieri americani addestrano le forze ribelli. Oltre a quello di Al Tanf, gli Americani hanno creato un secondo avamposto ad al-Zquf, ad un centinaio di chilometri a nordest di Tanf e ad una ventina di chilometri a nord del confine con l’Iraq. L’intera area fa parte di una zona cuscinetto gestita dalle fazioni ribelli appartenenti a “pezzi” del Free Syrian Army, sostenute dagli Americani e dai Giordani, creata con l’evidente scopo di rompere la continuità strategica tra Iraq e Siria all’insegna dell’influenza iraniana. Tuttavia, più a nord, le forze governative (Esercito Siriano, Forze di Difesa Nazionale, Hezbollah e Liwa al-Quds) hanno conquistato grosse porzioni di territorio tra Palmira ed al Bawdah, verso il confine con l’Iraq. Proprio da al Bawdah, negli ultimi giorni è partita un’offensiva che mira alla riconquista del villaggio di Humaymah e della stazione di pompaggio del greggio T2, con annesso aeroporto, dalla quale verrebbe lanciata l’offensiva verso Al Bukamal, ancora in mano a IS, città ubicata a pochi chilometri dal confine con l’Iraq, la cui riconquista sarebbe possibile grazie alla contemporanea offensiva delle forze irachene provenienti da Al Qaim. Non lontano da Palmira, inoltre, in particolare nel villaggio di Arak, sede di un’importante stazione gassifera, si sono registrati pesanti scontri tra miliziani di Daesh e governativi. Questi ultimi, nel frattempo, hanno riconquistato il centro di pompaggio T-3, dopo il lancio, da parte dell’Iran, di 6 missili balistici tattici ZULFIQAR – versione potenziata del FATEH-110 - contro postazioni del “Califfato” situate nell’area di Palmira (e di Deir Ezzor). E’ verosimile ritenere che, una volta eliminate le resistenze del Daesh in tali aree, le forze pro Assad, provenienti da Al Bukamal e Palmira, possano convergere su Deir Ezzor per rompere l’assedio del “Califfato” contro la periferia orientale della città e riprendere il controllo sul lungo tratto autostradale che collega Homs con Deir Ezzor. Particolarmente caldo anche il fronte meridionale che, negli ultimi giorni, ha visto un progressivo coinvolgimento da parte di Israele. Tra il 23 ed il 26 giugno caccia ed elicotteri israeliani hanno effettuato diversi raid contro postazioni di artiglieria e veicoli corazzati dell’Esercito Siriano nella provincia di Quneitra, situata nella porzione di Golan sotto controllo di Damasco, in risposta a colpi d’artiglieria attribuiti da Tsahal agli stessi Siriani (ma sulla cui provenienza le fonti non concordano). Di sicuro, è un dato di fatto che gli Israeliani lavorino da tempo con alcune formazioni ribelli siriane attive nell'area del Golan (come documentiamo anche su RID 7/17). Proprio l’area di Quneitra è stata sede nelle ultime 2 settimane di pesanti scontri tra forze regolari e ribelli, soprattutto nei pressi di al-Baath e Khan Arnabeh. La prima, in particolare, una delle poche città della provincia ad essere rimasta sempre sotto il controllo dei governativi, ha subito un’offensiva su larga scala da parte da parte di Jaish Muhamad (Esercito di Maometto), una nuova formazione locale egemonizzata da elementi del gruppo qaedista Hayat Tahrir al-Sham (nuova denominazione di Jabhat al-Nusra). La conquista dei 2 centri viene vista dai ribelli come fondamentale per un’eventuale successiva offensiva verso nordest, nelle aree rurali che separano la zona dalla parte meridionale di Damasco. Ma Jaish Muhammad non è, tuttavia, ancora riuscito a penetrare le linee dei governativi. Il fronte più tranquillo sembra al momento essere quello di Idlib, dove i ribelli mantengono saldamente il controllo di tutto il governatorato, e dove sembra reggere il compromesso tra Russia e Turchia formalizzato nell’estate scorsa tra Putin e Erdogan.


Condividi su: