a cura della Rivista Italiana Difesa
F-22 fino al 2060 data: 05-07-2017 a cura di: Andrea Mottola

Secondo quanto dichiarato da portavoce dell’USAF, gli Stati Uniti hanno intenzione di mantenere in servizio l’F-22 fino al 2060, ed in tale ottica verranno finanziati alcuni upgrade che permetteranno ai RAPTOR di mantenere le proprie capacità di superiorità aerea (e non solo, come dimostrato nel teatro siriao-iracheno) per le prossime 4 decadi. A conferma di tale progetto alcuni stanziamenti sono già stati previsti nella proposta di budget del Pentagono del 2018, nello specifico 1,023 miliardi di dollari - suddivisi in 624,5 milioni destinati alla voce RDT&E (ricerca, sviluppo, test e validazione) e 398,5 in procurement – da investire in sistemi e tecnologie che contrastino le minacce destinate a neutralizzare le principali carattersitiche del velivolo (stealthiness e e sensoristica avanzata). Dal punto di vista strutturale, secondo alcune recenti stime effettuate dall’Air Combat Command (ACC), l’aereo sarebbe già in grado di sostenere un ciclo di vita che si colloca tra le 13.000 e le 14.000 ore di volo (nonostante il fatto che l’F-22 sia stato progettato per sostenere un ciclo di vita di 8/9.000 ore per velivolo), senza alcuna modifica o tramite significativi programmi di estensione della vita operativa (SLEP). Chiaramente, ciò non esclude gli interventi necessari a far fronte all’usura del rivestimento stealth del velivolo, problema riguardo al quale l’Air Force sta studiando alcune azioni correttive presso la base aerea di Hill, tra le quali l’adozione di un particolare tipo di coating conduttivo che dovrebbe essere disponibile a metà anni ’20. Tornando alla serie di upgrade previsti nei prossimi anni, un ammodernamento di mezza vita dovrebbe essere effettuato intorno al 2030 e, con ogni probabilità, comporterà l’aggiornamento dell’hardware e della suite avionica, con nuovo radar e sensori. Nell’immediato futuro, invece, in particolare nei prossimi 2 mesi, entrerà nella fase di test operativi il pacchetto di aggiornamenti software Increment 3.2B che, dalla seconda metà del 2019, dovrebbe essere introdotto sugli F-22 Block 30/35 (150 aerei su una flotta di 183). Nello specifico, tra i vari upgrade previsti, il pacchetto introdurrà la piena integrazione dei missili aria-aria a breve raggio con capacità di ingaggio fuori campo (BVR) AIM-9X SIDEWINDER Block 1/2 e dei missili aria-aria a medio/lungo raggio AIM-120D AMRAAM, l’introduzione di una Enhanced Stores Management System (ESMS) per garantire l’integrazione delle nuove armi ed il pieno sfruttamento delle loro capacità, una serie di migliorie al data link stealth Intra-Flight Data Link (IFDL), per accrescere l’ampiezza di banda e consentire funzioni cooperative, ed un incremento della capacità di geo-localizzazione del sistema ESM BAE Systems AN/ALR-94 a vantaggio dell’impiego delle JDAM. Il pacchetto 3.2B fa parte del più esteso programma di aggiornamento “Update 6” che dovrebbe essere completato nel 2021 e che sarà orientato verso la riduzione della segnatura complessiva del velivolo (soprattutto dal un punto di vista delle emissioni), l’incremento della protezione “cyber” e la resilienza della capacità di trasmissione e condivisione dati del IFDL. A tal proposito, l’Update 6 doterà gli F-22 della capacità di trasmissione dati via IFDL in Link-16 (ad oggi i RAPTOR possono solo ricevere tali dati), probabilmente tramite un nuovo terminale in grado di sfruttare la forma d’onda CHAMELEON, sviluppata dalla L-3 Communications, che riduce la probabilità di detezione del nemico - particolarmente nelle aree Anti-Access/Area Denial - permettendo una comunicazione diretta e senza gateway, attraverso antenne in banda L già presenti sugli F-22. L’Upgrade 6, inoltre, include l’integrazione delle capacità di trasmissione/interrogazione IFF Mode 5 (M5L2) del trasponder AN/DPX-7 e l’adozione (dal 21/22) del sistema di puntamento montato su casco (HMCS) – il cui sviluppo ed integrazione dovrebbe partire nel 2018, dopo la scelta del modello da utilizzare - che consentirà il pieno sfruttamento delle capacità del missile aria-aria AIM-9X Block 2. Il citato programma di upgrade contribuisce a confermare, qualora ce ne fosse ancora bisogno, che l’USAF non ha alcuna intenzione di riavviare la linea di produzione del RAPTOR, ipotesi definita da molti esponenti dello stesso ACC “economicamente ed operativamente senza senso”, anche alla luce di un recente studio che ha dimostrato che l’assemblaggio di 194 nuovi F-22A costerebbe circa 50 miliardi di dollari.


Condividi su: