a cura dello Stato Maggiore Difesa
Iraq: concluso corso "Sniper and RECCE Mout" data: 06-07-2017 a cura di: Stato Maggiore della Difesa

Nei giorni scorsi, nel comprensorio addestrativo di Sulemanye (Iraq), si è concluso il  2° “SNIPER AND RECCE MOUT” Course.
Alla presenza del  Deputy Commander General for Training presso il Combined Joint Force Land Component Command (CJFLCC-OIR) in Baghdad e Comandante del Contingente Italiano, Generale di Brigata Francesco Maria Ceravolo, e del Comandante del Kurdistan Training Coordination Center (KTCC) sono stati consegnati i diplomi di qualificazione a 30 militari delle Emergency Response Force (ERF), reparti scelti delle forze di sicurezza del Paese, che hanno contribuito in maniera determinante alla liberazione di Mosul. 

Il corso, della durata di cinque settimane, ha visto all’opera gli istruttori italiani del 185° Reggimento Acquisitori Obiettivi (RAO), che hanno organizzato moduli addestrativi mirati a fornire agli allievi la conoscenza delle procedure e tecniche di tiro con armi portatili a corto e medio raggio, le procedure mediche di immediato soccorso in zone di combattimento e le procedure e tecniche di combattimento in aree ristrette urbane. 

Al termine della cerimonia, alla presenza del comandante della  1^ Brigata ERF, Generale OMAR,  è stata celebrata la nascita di una nuovo reparto della Grande Unità, la “185° Commandos Coy”, il cui numero progressivo richiama  il 185° Reggimento RAO, dalle cui fila provengono gli istruttori del corso. L’attestato di costituzione della compagnia è stato consegnato dal Generale Ceravolo al Capitano Marriwan Guafour Qadir,  primo comandante della stessa.


L’Italia contribuisce all’Operazione “Inherent Resolve” con la missione “Prima Parthica”:  circa 1500 militari di tutte le Forze Armate, impiegati principalmente nelle sedi di Baghdad ed Erbil, nell’addestramento delle Forze di Sicurezza irachene e curdo-irachene.
Nell’ambito di tale missione, la Task Force “Praesidium”, con i suoi 500 uomini e donne dell’ Esercito italiano, garantisce la protezione della diga e del personale della ditta TREVI SPA.

 

La notizia, corredata di galleria fotografica, è pubblicata sul Portale della Difesa raggiungibile dal seguente link


Condividi su: