LEONARDO
RID Articoli Mese
logo Aeronautica Militarea cura dell'Aeronautica Militare
RID - Rivista Italiana Difesa 27-03-2018 Missione in Estonia: scramble per gli Eurofighter italiani data: a cura di:

Nei giorni scorsi, due caccia italiani Eurofighter Typhoon sono intervenuti, a seguito di un "Alpha scramble", al fine di intercettare un velivolo che non stava rispettando le procedure di comunicazione e riconoscimento con le autorità estoni per il traffico aereo.


I due aerei della Task Force Air del 36° Stormo sono decollati dall'aeroporto militare di Ämari e, in pochi minuti, hanno intercettato il velivolo – rivelatosi, poi, un aereo da trasporto An -26 “Curl” – che attraversava lo spazio aereo baltico senza essersi propriamente identificato.
Si tratta della nona attività di intercettazione reale - scramble - da parte degli Eurofighter italiani, resa ancora più particolare dal fatto che per la prima volta, da quando le Forze Armate italiane sono schierate in Estonia, entrambi i piloti fossero Ufficiali donne della nostra Aeronautica.
Lo "scramble" è l'attività operativa consistente nel far attivare in maniera rapida una coppia di velivoli caccia, al fine di intercettare e identificare un aereo sconosciuto che viola lo spazio aereo dell'Alleanza, o non si identifica propriamente con il controllo del traffico aereo, al fine di garantire la sicurezza dei cieli da qualsiasi minaccia, potenziale o eventuale.


La Task Force 36° Stormo, costituita da due velivoli Eurofighter della base aerea di Gioia del Colle (BA) e da due del 4° Stormo di Grosseto, è schierata presso l’aeroporto di Ämari, a pochi chilometri da Tallin, fino al mese di maggio. L'Operazione Baltic Eagle è, di fatto, la prosecuzione delle missioni già svolte dall’Aeronautica Militare italiana in Islanda, in Bulgaria e nei Paesi Baltici, sebbene sia la prima volta in Estonia.  
Nel 2004, con l'ingresso nell'Alleanza Atlantica dei Paesi Baltici e della Bulgaria, gli spazi aerei di quei paesi sono divenuti parte integrante dello spazio euro-atlantico e, come tali, sono stati inclusi nel sistema di difesa aerea e missilistico della NATO. Tale sistema comprende anche l'attività di Air Policing, che consiste nella continua sorveglianza aerea volta ad assicurare l'integrità e la sicurezza dello Spazio Aereo della NATO.


Condividi su: