LEONARDO
RID Articoli Mese
logo RIDa cura della Rivista Italiana Difesa
RID - Rivista Italiana Difesa 14-05-2018 La SHANDONG inizia le prove in mare La nuova portaerei cinese prende il mare per i sea trilas data: a cura di:

Avvolte in un manto di mistero (e di nebbia, al momento di lasciare il porto d’allestimento di Dalian, nelle prime ore del mattino), e dopo diversi stop-and-go, sono iniziate ieri le prove in mare per la portaerei cinese SHANDONG. Un primo giro di test, relativi soprattutto all’apparato propulsore e ai sistemi di bordo, per quella che è si la seconda porterei destinata a prestare servizio nella PLAN, ma la prima ad essere costruita localmente. La LIAONING (Type-001), in servizio dal 2012, è infatti il frutto di una radicale ricostruzione dell’ex VARYAG sovietica, gemella della KUZNETSOV in linea con la flotta russa dal 1991, e acquistata incompleta da Pechino nel 1998. Ufficialmente per diventare un’attrazione turistica: in realtà, trasformata nei cantieri di Dalian a partire dal 2005, dopo che India e Giappone avevano varato programmi per nuove unità portaeromobili. La SHANDONG (Type-001A), impostata a Dalian nel 2013 e varata il 26 aprile 2017, è il frutto proprio del lavoro di recupero e trasformazione effettuato sulla LIAONING, cui in apparenza somiglia molto, nelle caratteristiche generali: lunghezza fuori tutto di 305 metri, larghezza del ponte di volo 72 metri, dislocamento a pieno carico 64.000 t, stando ad alcune fonti, mentre altre stimano 315x75 metri, e circa 70.000 t. L’apparato motore è sempre basato su turbine a vapore, che consentono una velocità massima di 30 nodi, mentre le maggiori differenze riguardano i sistemi di protezione, l’isola, la suddivisione degli spazi interni, le capacità di stoccaggio di materiali e carburanti, migliorati in base alle esperienze effettuate con la Type-001, e grazie al fatto che l’unità è stata riprogettata e costruita da zero. Per quanto riguarda il gruppo di volo, si parla di 44 velivoli imbarcati: 32 caccia multiruolo Shenyang J-15 (copia indigenizzata del Su-33), e 12 elicotteri di vari modelli, mentre i reparti operativi sulla LIAONING in genere schierano 24 caccia. Per entrambe tuttavia si stima una capacità massima di 48 velivoli, e la possibilità di imbarcare mezzi più prestanti di Quinta Generazione. Soprattutto se l’attuale configurazione STOBAR (Short Take-Off But Arrested Recovery) dovesse essere modificata in un secondo tempo, installando catapulte, a vapore o – più probabilmente – elettromagnetiche, attualmente in sviluppo per le portaerei in costruzione/programma. La PLAN, INFATTI, ha dal 2017 in costruzione nel cantiere di Jiangnan (Shanghai) una portaerei più grande, a propulsione nucleare e in una più tradizionale configurazione CATOBAR, da completare nel 2024 (Type-002), mentre in programma ci sono sia una seconda unità di questo tipo, sia una terza derivata da LIAONING/SHANDONG. L’obbiettivo di Pechino, è quello di schierare dopo il 2030 almeno 4 portaerei operative, lasciando alla LIAONING un ruolo meramente addestrativo. Per quanto riguarda i tempi di completamento, per la SHANDONG si parla di una consegna con operatività iniziale nel 2019, e la piena operatività da raggiungere entro un anno. I test preliminari erano iniziati il 23 aprile, impiegando anche elicotteri per il supporto logistico e il trasporto di personale tecnico e osservatori. Domenica mattina, alle 07:00, la nave – supportata da rimorchiatori e unità appoggio – ha salpato le ancore in mezzo alla nebbia, per poi iniziare a testare l’apparato motore e la tenuta a mare, nonché i sistemi di navigazione e di bordo. Le prove in mare si svolgono nella parte nord-orientale del cosiddetto Mar di Bohai, area marittima interna tra Mar Giallo e Corea. Area che è stata chiusa al traffico sino al 18 maggio.


Condividi su: