LEONARDO
RID Articoli Mese
logo RIDa cura della Rivista Italiana Difesa
RID - Rivista Italiana Difesa 12-07-2018 Il Summit NATO di Bruxelles data: a cura di:

Si sta svolgendo a Bruxelles il 29° Summit NATO, il primo nella nuova sede della capitale belga ed uno dei più importanti degli ultimi anni. Il Summit non è certo partito bene dopo le solite bordate del Presidente Trump contro gli alleati – nel mirino soprattutto la Germania, sentita come un pericoloso concorrente commerciale da ridimensionare – ed altre sparate varie, come, per esempio, quella di destinare il 4% del PIL alla Difesa. Più in generale, l'Amministrazione americana sembra continuare a preferire un approccio bilaterale alle relazioni internazionali, ed alla risoluzione delle relative problematiche. Un approccio un tantino contingente che non tiene conto quanto strutturalmente l’Alleanza Atlantica sia importante anche per Washington sia da un punto di vista politico sia da un punto di vista strategico-militare. Fortunatamente, però, la politica estera americana non la decide solo il Presidente e questo lo si vede soprattutto sul teatro europeo dove gli USA spenderanno quest’anno sul fronte della solidarietà e della deterrenza nei confronti di Mosca 4,8 miliardi di dollari, contro i 3,4 miliardi dello scorso anno, che saliranno a 6,5 miliardi nel 2019 (EDI, European Deterrence Initiative). Proprio la questione del burden sharing è stato il tema più importante affrontato durante il vertice. L'Alleanza ha ribadito l'impegno ad arrivare al 2% del PIL entro il 2024, ma già oggi l'inversione di tendenza è molto chiara. Quest'anno saranno 8 i membri che raggiungeranno tale soglia, erano solo 3 nel 2014, mentre come ricordato dal Segretario Generale Stoltenberg si stima che Canada ed alleati europei da qui al 2024 aggiungeranno 266 miliardi di dollari extra ai propri budget. Numeri importanti che segnalano uno sforzo concreto da parte dei Paesi membri e che vanno considerati con il dovuto rispetto. Sul fronte, invece, dei rapporti con la Russia e delle iniziative di deterrence and defence, abbiamo già accennato agli stanziamenti americani per la Europea Deterrence Initiative. A ciò bisogna solo aggiungere che è stato ufficialmente adottata pure la NATO Readiness Initiative dei "4-30" che prevede, entro il 2020, la creazione di una forza composta da 30 battaglioni meccanizzati, 30 squadroni aerei e 30 mezzi navali multinazionali pronti ad essere schierati in 30 giorni. Tali misure di deterrenza, tuttavia, continueranno ad essere accompagnate dalla ricerca del dialogo con Mosca ed in quest'ottica va letto l'incontro che si svolgerà nei prossimi giorni ad Helsinky tra lo stesso Trump ed il Presidente russo Putin. Altri temi importanti hanno riguardato i partenariati e l'Afghanistan. Nel primo caso, la NATO ha annunciato una nuova e più robusta missione di addestramento in Iraq, ed un incremento del supporto a Paesi strategici per la stabilità del Mediterraneo come Giordania e Tunisia. Questo è un punto che sta particolarmente a cuore all'Italia – impegnata a bilanciare l'impegno NATO ad est con quello a sud – soprattutto per ciò che concerne la Tunisia dove a questo punto dovrebbe partire la missione di supporto e training dell’Alleanza alla quale l’Italia prenderà parte con 70 uomini (missione già votata ed approvata dal Parlamento). La NATO si è detta inoltre pronta anche a sviluppare una partnership a lungo termine con la Libia che includa eventualmente pure l'ingresso di Tripoli nel Dialogo Mediterraneo. Nel quadro dell’impegno NATO per il sud, l'Italia ha pure incassato la piena operatività dell'hub di Napoli, sperando che le resistenze all'interno dello stesso JFC di Napoli, dove l'hub è inserito, vengano definitivamente superate e che l’hub possa finalmente iniziare a coordinare tutta l'attività di intelligence, sorveglianza e ricognizione in un teatro di così grande interesse per il nostro Paese. Per quanto riguarda l'Afghanistan, si è deciso invece di estendere il supporto finanziario alle ANSF (Afghan National Security Forces) fino al 2024 incoraggiando allo stesso tempo gli sforzi intrapresi dal Presidente Ghani per il processo di pace e riconciliazione. Infine, è stata firmata una dichiarazione congiunta con l'UE per la cooperazione tra le 2 organizzazioni e sono iniziati ufficialmente i colloqui per l'ingresso della Macedonia, dopo che finalmente Skopje e Atene hanno risolto l'annosa questione del nome. La Macedonia diventerà pertanto il 30° Paese della NATO con il nome ufficiale di Repubblica della Macedonia del Nord.


Condividi su: