LEONARDO
RID Articoli Mese
logo RIDa cura della Rivista Italiana Difesa
RID - Rivista Italiana Difesa 06-09-2018 Sotto l’inferno, sopra le spie data: a cura di:

Sui cieli di Libia continuano a volare velivoli da ricognizione e intelligence americani, una presenza seguita – anche dagli appassionati via web– e ormai nota. Sono più di 2 anni che gli aerei statunitensi decollano da una serie di basi per condurre missioni nello scacchiere libico-tunisino. I turboelica "speciali" Beechcraft KING AIR 350 ER partono da Pantelleria, raggiungono la costa nordafricana e poi rientrano. EP-3 ARIES II e ATR-42-300 si staccano dalla pista di Souda Bay, a Creta, altro punto d’appoggio nel Mediterraneo meridionale. Non meno frequenti le “navette” di un Dornier C-146A del Comando Forze Speciali: trasporta uomini e materiali dalla Germania o dall’Italia verso l’aeroporto di Misurata, la città dove il Pentagono ha creato un avamposto. Washington continua a mantenere un profilo basso nel conflitto, però al momento opportuno gioca le sue carte. Intanto cerca di puntellare le milizie amiche fornendo informazioni su reparti ostili e più in generale osserva lo sviluppo caotico della crisi marcando le posizioni. Quindi, con i voli prosegue nell’individuazione di terroristi jihadisti: i Beechcraft, in coordinamento con attività sul terreno, ricostruiscono “il sentiero di vita” quotidiana dei militanti. Nascondigli, percorsi, abitudini, luoghi di incontro. Dati che sono poi fondamentali per sferrare raid affidati molto spesso agli UAV MQ-9 REAPER basati a Sigonella o, in alternativa, ai cacciabombardieri pesanti F-15 E STRIKE EAGLE in arrivo dalla Gran Bretagna. Il 28 agosto il Pentagono ha condotto uno strike nella località di Bani Walid uccidendo Walid Abu Hreiba, un guerrigliero dello Stato Islamico dal passato importante. Sembra che nel 2013 sia stato coinvolto in una clamorosa rapina in una banca di Sirte, sottraendo decine di milioni in valuta pregiata, quindi è cresciuto di ruolo partecipando alle fasi successive della guerra fino alla temporanea sconfitta della fazione. Rovescio che ha spinto Abu Hreiba a cercare rifugio a Bani Walid dove avrebbe cercato di riorganizzare il network, attività che lo ha tramutato in un “target di alto valore”. Non certo l’unico. Nel 2018 gli Stati Uniti hanno eseguito una mezza dozzina di raid (2 soli in giugno contro membri ISIS e Al Qaeda, ed un altro a fine agosto) mentre durante l’anno precedente sarebbero stati 12.


Condividi su: