LEONARDO
RID Articoli Mese
logo RIDa cura della Rivista Italiana Difesa
RID - Rivista Italiana Difesa 01-10-2018 Le Forze Armate della Nigeria data: a cura di:

La Nigeria, uno dei giganti dell’Africa subsahariana, ha conosciuto una lunga era di regimi militari, al potere tra il 1966 e il 1999, con una breve parentesi nel 1979-1983 e non pochi scoppi di violenza. A diversi colpi di stato, riusciti e non, vanno aggiunti la guerra etnica contro gli Igbo, nuovi scontri etnici negli anni ’80 e ’90, e le prime violenze di matrice religiosa dopo il ritorno alla democrazia, che tra il 1999 e il 2006 hanno provocato 50.000 morti e 80.000 profughi. Un impegno militare sul fronte interno, che non ha escluso limitati conflitti con il Camerun, per la Penisola di Bakassi (con pesanti scontri armati nel 1981 e tra il 1991 e il 1999), e con il Ciad per il controllo di alcune posizioni sull’omologo lago, a cavallo tra anni ’70 e ’80. Senza contare che sin dal 1960 le Forze Armate nigeriane sono intervenute in missioni di pace e stabilizzazione in Congo (dal 1960 al 1964), Liberia, Sierra Leone e Somalia; ma anche nella ex Jugoslavia e in Asia: e spesso in missioni che hanno visto un massiccio impiego di mezzi pesanti, aerei e navi, con un coinvolgimento pieno nei conflitti liberiano, somalo e sierraleonese. Più recentemente, mentre proseguivano le missioni all’estero (Liberia, Somalia, Sudan/Darfur), la situazione interna è decisamente peggiorata. Ai rinnovati sussulti nella strategica regione petrolifera del Delta del Niger (dove sin dai primi anni ’90 sono attivi diversi gruppi antigovernativi dai nomi altisonanti: tra gli ultimi nati, nel 2016, gli Avengers del Delta, e i Niger Delta Greenland Justice Mandate), agli scontri tra tribù di agricoltori e pastori in varie zone del Paese, e a un ritorno di fiamma secessionista nel Biafra, dove dall’agosto 2015 si contano alcune centinaia di vittime in scontri e violenze, si è soprattutto aggiunta, dal 2009, la gravissima guerra jihadista scatenata dal movimento islamista Boko Haram (vedi RID 3/2014).

Tutto l'articolo è disponibile su RID 10/18.


Condividi su: