LEONARDOFincantieri
Viaggi RID
logo RIDa cura della Rivista Italiana Difesa
RID - Rivista Italiana Difesa 03-01-2019 Quale MLU per i DDG ORIZZONTE? data: a cura di:

Secondo quanto reso noto nel comunicato con il quale hanno annunciato la creazione della nuova joint venture paritaria, durante Euronaval, Fincantieri e Naval Group avevano anche accennato alla presentazione, a partire da quest’anno, di un'offerta comune per i primi studi riguardanti l'ammodernamento di mezza vita dei DDG per la difesa di aerea tipo HORIZON/ORIZZONTE. Sulla base dell'evoluzione degli scenari, anche i DDG ORIZZONTE dovranno infatti affrontare minacce quali i missili balistici a corto-medio raggio, i missili balistici antinave ed i missili antinave di nuova generazione con velocità ipersonica e propulsione ramjet/scramjet. Pertanto, tale upgrade verterà soprattutto sull’aggiornamento in senso anti-missile/anti-balistico delle capacità di queste unità. Secondo le prime indiscrezioni che siamo riusciti a raccogliere, una soluzione potrebbe essere quella dell’aggiornamento del radar a lungo raggio S-1850M in banda L accompagnata, sulle unità della Marina Militare, dalla sostituzione del radar multifunzionale EMPAR con il più moderno AESA KRONOS GRAND NAVAL (soluzione questa che consentirebbe di non stravolgere la struttura della nave, ma che deve essere ancora confermata). In particolare, l’S-1850M dovrebbe essere ammodernato nella capacità di scoperta di target balistici, alleggerendo dunque di questo compito il radar multifunzionale che, ricevendo il cueing del bersaglio dall’LRR, punterebbe direttamente su di esso per provvedere all’ingaggio ed alla guida-missili (con una riduzione del “tempo radar” a tutto vantaggio della possibilità di intercettare un “bersaglio veloce” come un missile balistico). L’altro cardine dell'ammodernamento sarebbe l’integrazione del nuovo intercettore ASTER 30 B1NT che, come noto, equipaggerà anche i PPA Full. Chiaramente queste estese modifiche alla sensoristica ed all'armamento sarebbero rese possibili dall’aggiornamento del CMS, sul quale al momento non abbiamo dettagli più precisi. Ulteriori dettagli su RID 2/2019.


Condividi su: