LEONARDOFincantieri
Viaggi RID
logo RIDa cura della Rivista Italiana Difesa
RID - Rivista Italiana Difesa 13-02-2019 Haftar si prende il Fezzan. Timori a Roma data: a cura di:

Come anticipato su RID nei giorni scorsi (http://www.portaledifesa.it/index~phppag,3_id,2816.html), l’avanzata delle truppe di Haftar procede spedita verso i pozzi petroliferi del Fezzan. Le forze del Generale hanno preso il controllo del giacimento di Ubari/El Sharara, in seguito a scontri durati 4 giorni con le PFG di Jadran e la 30ª Brigata Tuareg agli ordini di Ali Kanna, ex Comandante della Brigata gheddafiana Tuareg Maghawier e da poco nominato da Serraj Comandante delle forze militari meridionali che rispondono a Tripoli. Dopo l’ingresso nel perimetro del giacimento del 7 febbraio, le forze di Haftar, guidate dal Col. Khalifa Al-Seghair Al-Hasnawi, sono state ricacciate su posizioni periferiche dell’installazione (villaggio di Germa) dalla 30ª Brigata, ma sono tornate all’attacco nei giorni successivi ed alla fine hanno avuto la meglio, riuscendo ad eliminare la resistenza delle forze che occupavano l’hub petrolifero. Nella presa di El Sharara, un ruolo fondamentale è stato svolto dalla 173ª Brigata Tuareg “Aghlas” che ha negoziato l’uscita pacifica dei “colleghi” tribali della 30ª, ritiratisi verso i pozzi di El Feel. Poco dopo la presa di Sharara, l’Aviazione del Generale ha imposto una no-fly-zone su tutto il Fezzan. Nel frattempo, le forze di Haftar si apprestano a muovere verso altri 2 importanti hub di idrocarburi della regione: Wafa, giacimento di greggio, gas e condensati, collegato al gasdotto Green Stream per l’importazione in Italia del gas libico, ed il giacimento di El Feel, entrambi gestiti congiuntamente da ENI e NOC (National Oil Corporation), tramite la joint venture Mellitah Oil & Gas B.V. Le intenzioni di Haftar non sono al momento note, ma è chiaro che l'avanzata dell’LNA nel Fezzan deve essere attentamente monitorata dall’Italia, grande sponsor del Governo Serraj. Non è un caso che proprio in questi giorni si sarebbe registrata la visita a Tripoli del Generale Giovanni Caravelli, Vice Direttore dell’AISE. Un modo per tastare il terreno e sondare la compattezza del fronte filo-Serraj, ma anche il segnale della preoccupazione di Roma in momento oltretutto non facile per Serraj, alle prese con feroci dissidi in seno al Consiglio Presidenziale e con la sempre attuale minaccia della 7ª Brigata dei fratelli Kani e dei Misuratini di Salah Badi nel sud della capitale. Una situazione che ha portato alla costituzione a Tripoli di un nuovo cartello delle milizie filo-Serraj denominato Western Region Protection Force che comprende Haitem Tajouri, Abdelghani  Al Kigli e la Brigata Nawasi, ma non la RADA di Abdel Rauf Kara.


Condividi su: