LEONARDOFincantieri
Viaggi RID
logo RIDa cura della Rivista Italiana Difesa
RID - Rivista Italiana Difesa 07-05-2019 Libia, abbattuto MIRAGE dell'Aviazione di Serraj E l’ONU apre un’inchiesta sull’uso degli UAV degli EAU contro Serraj data: a cura di:

Le forze fedeli ad Haftar hanno abbattuto un MIRAGE .1ED, il secondo ed ultimo disponibile,  appartenente all’Aviazione Misuratina fedele a Serraj ed hanno mostrato un video del pilota catturato, un contractor portoghese. A questo punto, all’Aviazione filo-Serraj restano solo 7-8 L-39 ALBATROS operativi ed un paio di MiG-23, questi ultimi, però, dall'incerto status (probabilmente non in grado di volare). Il MIRAGE era impegnato in un azione nell'area di Al Hira, a sud di Tripoli. Sul terreno, intanto, la situazione sembra stabilizzarsi in una battaglia di posizione nel sud della capitale. La controffensiva del GNA (Government Of National Accord) contro Gharyan è stata respinta dalle forze filo-Haftar, anche grazie all'intervento degli UAV emiratini di fabbricazione cinese WING LOONG che avrebbero impiegato missili controcarro BLUE ARROW 7. Tra l'altro sugli UAV sarebbero state adottate anche soluzioni artiginali, con lanciatori per l'impiego a caduta di bombe da mortaio. L'ONU avrebbe tuttavia adesso aperto un'inchiesta per accertare l'impiego degli UAV emiratini, che avverrebbe in violazione all’embargo imposto sulla Libia, ed ha costretto Tripoli a cercare delle contromisure. Non è un caso che la settimana scorsa il Ministro degli Interni del GNA ed il Capo delle Tripoli Protection Forces fossero in visita al salone della difesa turco di IDEF, come documentato dallo Scrivente. Turchia grande sponsor di Serraj assieme al Qatar.


Condividi su: