a cura della Rivista Italiana Difesa
Armistizio in Sud Sudan Il fragile armistizio in Sud Sudan data: 21-02-2014 a cura di: Marco Di Liddo

Lo scorso 23 gennaio, ad Addis Abeba, il Governo sud sudanese e i ribelli, prevalentemente di etnia nuer e shilluk, guidati dall’ex Vicepresidente Riek Machar hanno siglato un armistizio che ha momentaneamente sospeso il conflitto scoppiato a metà dicembre. L’accordo è stato reso possibile dalla mediazione dell’Intergovernamental Authority on Development (IGAD), organizzazione regionale che include Paesi dell’Africa orientale e centrale, e prevede l’immediata cessazione delle operazioni militari, la tutela della popolazione civile e la creazione di un Monitoring and Verification Team (MVT) incaricato di supervisionare il rispetto dell’armistizio e di promuovere il dialogo politico tra le parti. Il MVT è formato da 22 osservatori, provenienti dai Paesi membri dell’IGAD, e agirà sotto la protezione del Governo sud sudanese e dei ribelli, senza usufruire di una componente militare internazionale al proprio seguito.




Condividi su: