LEONARDO
Viaggi RID
Ultime Notizie:
anteprima logo Aeronautica Italiana Consegnati i primi 2 T-345A al 61° Stormo

Sono da poco atterrati, oggi mercoledì 23 dicembre, sull’aeroporto militare di Lecce-Galatina, sede del 61° Stormo, i primi due esemplari del velivolo d’addestramento basico T-345A (M-345 High Efficiency Trainer – HET sviluppato e prodotto da Leonardo Spa), aeromobile totalmente “made in Italy” destinato a sostituire gradualmente tutta la flotta di MB339 della Forza Armata, tra cui quelli della Pattuglia Acrobatica Nazionale.

a cura di
anteprima logo Stato Maggiore Difesa EAU: l'Ambasciatore negli Emirati Arabi Uniti visita la FLAB

In occasione delle imminenti festività natalizie, Sua Eccellenza l'Ambasciatore d'Italia negli Emirati Arabi Uniti, Nicola Lener, ha fatto visita al contingente italiano presso la Forward Logistic Air Base di Al Minhad, Unità di stanza presso gli Emirati Arabi Uniti.

a cura di
anteprima logo RID US Army, si rinnova l’artiglieria

Finalmente emergono i nomi dei concorrenti per il nuovo obice semovente da 155mm dello US Army di cui si attendono, a breve, gli esemplari per l’inizio dei test di valutazione presso la base di Yuma in Arizona. L’Esercito Americano, con un annuncio effettuato a luglio scorso, è alla ricerca di un sistema d’arma già pronto che offra una maggiore letalità, mobilità e sopravvivenza dei sistemi attualmente in uso presso gli Stryker Combat Brigade Team. Nel dettaglio, si aspira ad un incremento di gittata, rateo di fuoco, autonomia e capacità di muoversi fuori strada rispetto agli attuali M-777 in uso; tali caratteristiche saranno poste sotto attenta valutazione a partire dall’inizio del 2021, nell’arco di 3 mesi, per poi continuare con la tempistica pianificata che vedrà il primo esemplare consegnato ai reparti di prima linea non piu’ tardi del 2023. Molte le aziende che hanno espresso l’intenzione, piu’ o meno concreta, di partecipare ai test di valutazione: • la Elbit Systems of America ha già annunciato che parteciperà con il suo Autonomous Truck Mounted Ordnance System (ATMOS) IRON SABRE • giá noto il concorrente della BAE Systems che punta sul suo obice ARCHER, fiduciosa degli ottimi ritorni ricevuti dall’Esercito Svedese che lo impiega ormai da tempo • giudicata una outsider, la serba Yugoimport, per il tramite della sua partner americana Global Military Products, presenta invece il suo NORA B-52-155mm • la AM General ha invece fatto trapelare che si presenterà ai test con 2 contendenti: il BRUTUS e il HAWKEYE • la NEXTER, nonostante non abbia ancora confermato il suo “viaggio” a Yuma, è alla ricerca di clienti oltremare per il suo CAESAR, superimpiegato ormai in mezzo mondo e in molti teatri caldi del globo • come possibili last minute potrebbero aggiungersi alla competizione la sudcoreana Hanwha, la giapponese Mitsubishi, il RHINO 6X6 sudafricano o il DANA 8X8 slovacco. Tra i sopracitati concorrenti, i favoriti sono senza dubbio 2: l’ATMOS IRON SABRE e l’ARCHER. Il primo, con un equipaggio di 4 operatori, vanta una capacitá “shoot&scout” di circa 30 secondi, ha cioè la possibilitá di fermarsi, schierarsi e fare fuoco in mezzo minuto, necessario anche per ultimare la salva, riassettarsi e reiniziare il movimento; caratteristica questa oggigiorno molto ricercata, considerati i letali incrementi generali dei sistemi di fuoco di controbatteria, come dimostrato in particolare dai Russi in Ucraina. L’ARCHER invece, dotato di un equipaggio di 3 operatori, anche se è in grado di operare anche con uno solo uomo, ha l’indubbio vantaggio di essere giá in grado di utilizzare munizionamento anti-carro BONUS con una gittata fino a 35 Km, munizionamento convenzionale fino a 40 Km e di raggiungere gli oltre 60 km utilizzando munizionamento guidato.

a cura di
anteprima logo RID Un mini lanciatore per le operazioni distribuite

Lockheed Martin ha sviluppato un lanciatore quadrinato per i suoi nuovi missili leggeri polivalenti JAGM (Joint Air to Ground Missile), denominato JQL (JAGM Quad Launcher). Il sistema può essere installato sia su piccole unità navali da pattugliamento sia su veicoli terrestri, ed è dotato di un quinto tubo per lo sfogo del gas di scarico del missile. In alcuni rendering rilasciati dall’azienda, il JQL viene mostrato installato sia sui veicoli tattici JLTV, sia sulle motovedette Mk VI, sia, ancora, sulle fregate leggere MMCS. Il JAGM nasce originariamente come arma anticarro aria-superficie, ma poi è evoluto in arma polivalente capace anche di ingaggio superficie-superifcie (esattamente come l’HELLFIRE da cui deriva). Lo sviluppo di questo mini-lanciatore rientra a pieno titolo nel concetto di letalità distribuita che sta indirizzando la recente dottrina americana e non solo. Ulteriori dettagli su RID 2/21.

a cura di
anteprima logo Marina Italiana Gruppo navale si addestra nel Mediterraneo orientale

Il Gruppo Navale incentrato su nave Giuseppe Garibaldi, affidato al Contrammiraglio Antonio Galiuto, nell’ambito del quale hanno operato anche le Fregate multiruolo Bergamini e Alpino, con il supporto della rifornitrice Stromboli, ha di recente completato la sua attività di presenza in Mediterraneo. 

a cura di
anteprima logo Marina Italiana Conclusa l'Operazione antipirateria di nave MARTINENGO

Rientrata oggi a Taranto nave Martinengo. Partita il 1 settembre scorso e dopo oltre 111 giorni di attività operativa, la fregata ha lasciato le turbolenti acque del Golfo di Guinea, dove ha operato sin dal mese di settembre.

a cura di
anteprima logo RID L’USAF ritirerà 17 B-1 nel 2021

Boeing ha confermato quanto già anticipato dall’ultimo budget della difesa statunitense: nel 2021 l’USAF ritirerà 17 dei 62 bombardieri strategici B-1B LANCER. La decisione, che ancora va ufficializzata con la formale approvazione dal Congresso, prevede il taglio dei 17 aerei più anziani, mentre almeno 36 dei restanti 44 dovrebbero proseguire il servizio fino al 2035/2036. Secondo una nota dell’azienda di St. Louis, le operazioni di supporto e manutenzione in favore delle cellule maggiormente usurate sarebbero divenuto eccessivamente onerose, implicando investimenti di decine di milioni di dollari per il loro ripristino nel breve termine. L’accentuata usura di tali cellule è dovuta, secondo la Boeing, ad un utilizzo estensivo dei velivoli nel corso degli ultimi 20 anni, in un ruolo per il quale non erano originariamente stati progettati. In effetti, prima in Afghanistan e poi in Siria, l’USAF ha diffusamente impiegato i velivoli per compiti “semi CAS” in supporto alle truppe terra, seguendo profili di volo medio-alti per i quali i B-1 non sono strutturalmente ottimizzati. E, proprio alla luce delle ottime capacità dimostrate dai LANCER in tali contesti, l’Air Force ha spinto per un aggiornamento sensibile delle cellule meno usurate – come quello volto all’integrazione di nuovi armamenti trasportabili anche esternamente (JASSM e LRASM) o l’aggiornamento avionico previsto dal programma IBSM (Integrated Battle Station Modification) - da svolgersi parallelamente al ritiro graduale degli apparecchi più anziani. Ciò al fine di garantirne il mantenimento in servizio fino all’arrivo del nuovo bombardiere B-21 RAIDER.

a cura di
anteprima logo RID 200 ore di volo per il VALOR

A 3 anni di distanza dal primo volo, il convertiplano Bell V-280 VALOR ha raggiunto il traguardo delle 200 ore di volo. Il VALOR, ricordiamolo, è la proposta di Bell per il requisito FLRAA del programma dell’US Army FVL ed è in competizione con l’elicottero compound Boeing/Sikorsky SB-1 DEFIANT. Su RID 1/2021 il punto sul programma FVL e sulla possibile cooperazione tra Italia e USA.

a cura di
anteprima logo RID US Army, via alle prove dei primi 2 prototipi di Light Tank

L’US Army ha annunciato che sono arrivati presso la base di Fort Bragg in North Carolina, sede della 82ª Divisione Aerotrasportata, i 2 prototipi in lizza per il contratto del nuovo light tank. Secondo quanto riportato, il requisito del nuovo mezzo nasce dall’esigenza della fanteria americana di avere un veicolo ad alta mobilità e potenza di fuoco in grado di supportare con fuoco diretto la manovra sul terreno. I prototipi per questo motivo sono stati definiti Mobile Protected Firepower (MPF) e verranno messi a dura prova dagli Brigade Combat Teams dell’82ª a partire dall’inizio del prossimo anno. I consorzi guidati da BAE Systems e General Dynamics Land Systems sono stati selezionati nel dicembre 2018 per la produzione di 12 esemplari per la fase dei test iniziali. General Dynamics presenta un prototipo evoluzione del GRIFFIN 1, realizzato utilizzando elementi dello scafo dell’AJAX e della torre dell’M1/A2 SEP(V2) dell’ABRAMS, mentre BAE Systems presenta invece una versione migliorata del M8 BUFORD – cancellato nel lontano 1997 - dotato di nuovi componenti e sensoristica avanzata (entrambi i prototipi sono dotati al momento di cannone da 105 mm). Il Generale di Brigata Glenn Dean, ufficiale dell’esercito americano responsabile dei progetti relativi alle piattaforme terrestri, si è definito entusiasta delle ampie potenzialità del programma e del rispetto delle tempistiche mostrato dai due consorzi. Lo scopo finale dell’Esercito Americano è stato ampiamente pubblicizzato nell’ultimo anno: dotarsi di un veicolo che abbia a bordo il meglio dei sistemi correnti e, allo stesso tempo, le capacità in termini di potenza, elettrica e motoristica, e di spazi, per ospitare le tecnologie che si svilupperanno nel futuro e che vedranno nel MPF la piattaforma di utilizzo sul terreno. I prototipi quindi non saranno messi alla prova nei classici test standard ma saranno invece utilizzati per sviluppare TTPs innovative, che poi guideranno a loro volta i requisiti operativi e lo sviluppo delle nuove tecnologie militari. Nelle migliori ipotesi, l’US Army spera di passare alla fase di produzione del veicolo vincitore alla fine del 2022, con una prima assegnazione alle unità operative a partire dal 2025.

a cura di
anteprima logo RID Decimomannu, via alla IFTS

Presso la base dell’Aeronautica Militare di Decimomannu (Sardegna), si è svolta ieri la cerimonia di posa della prima pietra della nuova International Flight Training School. L'International Flight Training School (IFTS) costituisce una partnership tra l'Aeronautica Militare e Leonardo per la realizzazione di un centro di addestramento avanzato al volo che costituirà il riferimento internazionale nella formazione dei piloti militari a partire dalla fase avanzata dell’addestramento di quei piloti successivamente impiegati su velivoli caccia di ultima generazione. Con l’avvio dei lavori per la costruzione del nuovo campus IFTS presso la Base di Decimomannu verrà realizzata una vera e propria accademia del volo in grado di ospitare allievi, personale tecnico nonché aree ricreative, mensa, impianti sportivi, infrastrutture logistico-manutentive che dovranno gestire l’operatività della flotta di 22 M-346 (18 di proprietà dell’AM e 4 di proprietà di Leonardo). Un intero edificio sarà dedicato al Ground Based Training System (GBTS) per ospitare le aule di formazione e l’installazione di un moderno sistema di addestramento basato su sistemi di simulazione di ultima generazione. La realizzazione di tali opere avrà positive ricadute in favore dell’indotto locale. Completato l’adeguamento infrastrutturale, l’IFTS sarà operativa a partire dal 2022, generando importanti ricadute occupazionali sul territorio. L’IFTS avrà a disposizione 40 istruttori (15 dell’AM ed altri 25 ex militari selezionati e qualificati dalla stessa AM) e potrà formare fino ad oltre 70 allievi l’anno. Ulteriori dettagli su RID 2/21.

a cura di
anteprima logo RID F-22, F-35 e VALKYRIE per la prima volta insieme

Il 9 dicembre scorso, nei cieli sopra il poligono di Yuma, l’USAF ha compiuto un importante passo avanti negli sforzi per costruire il suo Advanced Battle Management System, il network alla base delle nuove tattiche multi-dominio. In particolare, al centro dell’esperimento c’era il nuovo sistema di comunicazione multi-data link “GatewayONE”, che possiamo descrivere, semplificando, come un traduttore-aggregatore capace di mettere in comunicazione piattaforme fino ad ora separate da data link proprietari ed incompatibili. Grazie a GatewayONE, per la prima volta, F-35 ed F-22 hanno potuto condividere dati in tempo reale ed in modo sicuro direttamente in volo, senza bisogno di un centro dati a terra. F-35 ed F-22, infatti, impiegano 2 particolari data link sicuri per la condivisione dati all’interno della formazione, rispettivamente il Multifunctional Advanced Data Link (MADL) e l’Intra-Flight Data Link (IFDL). Questi sistemi offrono comunicazioni sicure, ma finora non erano in grado di comprendersi e trasferirsi vicendevolmente informazioni. GatewayONE ha inoltre esteso la condivisione dati sicura al di fuori della formazione, trasmettendo e ricevendo informazioni e tracciamento del bersaglio anche da sensori basati a terra. Tutti i dati sono arrivati a ciascuna piattaforma nel suo formato “nativo”, così che i sistemi di bordo non hanno avuto problemi ad integrare la traccia e a presentarla agli operatori pienamente integrata nella simbologia e negli apparati. Questa condivisione multi-direzionale è cruciale per realizzare la visione della collaborazione costante fra piattaforme appartenenti a tutti i Domini operativi. Un altro fondamentale passo compiuto con questo esperimento è stato l’integrazione in formazione mista di un velivolo non pilotato “sacrificabile” Kratos XQ-58A VALKYRIE. Questo velivolo è uno dei candidati per il ruolo di Loyal Wingman a basso costo. Lanciato con l’uso di razzi e recuperabile con paracadute o in acqua, il VALKYRIE è indipendente dalle piste aeroportuali e potrà aggiungere sensori ed armi supplementari rispetto a quelle dei caccia pilotati che è destinato a supportare. Quello del 9 dicembre è stato il primo volo semi-autonomo in formazione con i 2 stealth pilotati. Il test del 9 dicembre, per quanto importante, non è stato però un completo successo: anche il VALKYRIE era equipaggiato di modulo GatewayONE, ma il sistema ha avuto un malfunzionamento dopo il decollo che ha reso impossibile dimostrare la piena integrazione del loyal wingman. Di conseguenza, solo 9 delle 18 dimostrazioni previste si è conclusa con successo. Fra i test conclusi con successo si segnala anche la condivisione di immagini Full Motion Video trasmesse da un F-35B agli operatori a terra. Questa funzione non era originariamente inclusa nel sistema designazione obiettivi EOTS ma è in corso di retrofit. Le informazioni sono state condivise in volo anche con un’aerocisterna KC-46 PEGASUS e una stazione dati a terra, impiegando tecnologie router internet di origine civile, adattate per impiegare la banda di comunicazione del Tactical Targeting Network Technology.

a cura di
anteprima logo RID COSMO SKYMED SEC.GEN., altri 2 satelliti

Sono stati siglati con l’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) e il Ministero della Difesa i contratti per gli ultimi 2 satelliti, Satellite 3 e 4, della costellazione COSMO SKYMED Seconda Generazione. COSMO SKYMED è una costellazione satellitare per l’osservazione della Terra dell’ASI e del Ministero della Difesa realizzata da Leonardo e le sue joint venture Thales Alenia Space e Telespazio. I satelliti, che sono impiegabili tanto per applicazioni militari quanto civili/commerciali, dispongono di radar SAR in grado di catturare immagini ad alta risoluzione e di monitorare ciò che avviene sulla superficie terrestre. Con le innovazioni della Seconda Generazione, va citata la capacità di acquisire simultaneamente 2 immagini di 2 aree a centinaia di chilometri di distanza tra loro e, quindi, di servire eventualmente anche 2 richieste che sarebbero state in conflitto per qualsiasi altro sistema satellitare.

a cura di