LEONARDO
Viaggi RID
Argomento Selezionato: Forze Armate
anteprima logo RID L’SM-6 contro i missili ipersonici

US Navy e Missile Defense Agency collaboreranno per dimostrare, più tardi quest’anno, la capacità del missile STANDARD SM-6 (anche noto come RIM-174 Standard Extended Range Active Missile) di intercettare bersagli ipersonici manovranti. L’annuncio viene dal rapporto del Sottosegretario della Difesa alla Ricerca e Sviluppo, Barbara McQuiston, sottoposto il 13 aprile scorso al Congresso. I glider ipersonici (hypersonic boost-glide) vengono lanciati ad altissima quota ed accelerati a velocità ipersoniche dal razzo propulsore, da cui poi si distaccano per iniziare la loro discesa planata, a velocità pari o superiori a Mach 5. Rispetto ai veicoli di rientro di un normale missile balistico, la differenza chiave è la maneggevolezza, che consente loro cambiamenti di rotta importanti e manovre che rendono l’intercettazione più complessa. Rientrano in questa categoria di armamenti il cinese DF-17 e il russo AVANGARD, quest’ultimo un’arma strategica con testata nucleare. Altri sistemi di questo tipo sono in sviluppo: si sospetta in particolare che un missile aerolanciato con glider ipersonico sia destinato ai nuovi bombardieri H-6N cinesi, che hanno un recesso ventrale chiaramente destinato a payload di grandi dimensioni. Inoltre sono in sviluppo armi balistiche con veicoli di rientro manovranti (ad esempio il russo KINZHAL) e missili cruise con propulsione scramjet capaci di velocità ipersoniche, per cui dimostrare la capacità d’intercettare queste minacce sfuggenti è particolarmente urgente. Va ricordato che l’SM-6 stesso è un’arma a doppio scopo, capace anche di strike contro obiettivi di superficie, e che la sua prossima incarnazione, la versione B1, userà lo stesso corpo missile a diametro incrementato dell’SM-3 Block IIA, per contenere un nuovo motore razzo che garantirà velocità ipersoniche. Il test anti-boost glide con l’SM-6 è parte dell’iniziativa Sea-Based Terminal Defense, che vedrà ulteriori esperimenti per arrivare a dimostrare una capacità operativa entro il 2024. Accanto a questo sviluppo, la MDA ha lanciato anche l'iniziativa Glide Phase Interceptor (GPI) che punta ad accelerare gli sforzi in campo anti-ipersonico ed a schierare una prima capacità già a metà di questa decade.

anteprima logo RID La Russia sviluppa un nuovo missile balistico?

Nell’ultima settimana sono tornate a farsi insistenti le voci riguardanti lo sviluppo di un presunto nuovo missile balistico intercontinentale russo. 

anteprima logo RID Di Paola, via alla revisione

E’ partito in Commissione Difesa alla Camera l’iter di revisione della Legge 244/2012, nota anche come Legge Di Paola. In particolare, si sta discutendo – sembra con un consenso ampio e trasversale tra le forze politiche - di spostare in avanti, di 10 anni, dunque dal 2024 al 2034, il conseguimento dei volumi organici a 150.000 uomini previsto dalla Legge. Tale provvedimento dovrebbe essere accompagnato anche ad un intervento in materia di reclutamento dei volontari e del loro collocamento a fine servizio. Dettagli ed approfondimenti su RID 5/21.

anteprima logo RID 715 miliardi per la Difesa USA

Il Presidente Biden ha presentato la sua richiesta di budget per l’anno fiscale 2022. Si tratta di una richiesta “discrezionale”, ovvero di una richiesta alla quale entro un paio di mesi al massimo seguirà la richiesta formale di budget della Casa Bianca. Dei fondi richiesti, 715 miliardi saranno destinati al Dipartimento della Difesa, con un aumento, in termini numerici, del 1,6% ma in realtà, considerando l’inflazione, in leggera flessione rispetto al 2021. Come un po' tutte le previsioni annunciavano, il bilancio del Pentagono si conferma, pertanto, “flat”, piatto. Il nuovo bilancio presenta inoltre la novità significativa di includere al proprio interno le spese per le missioni estere (Overseas Contingency Operations, OCO) che, dal prossimo anno, quindi non richiederanno un’assegnazione, e quindi un’approvazione, aggiuntiva. I 38 miliardi di dollari di differenza tra il totale e quelli assegnati al Dipartimento risultano assegnati genericamente al Pentagono ma è noto che normalmente vengono destinati per la quasi totalità al National Nuclear Security Administration. Le reazioni al bilancio per l’FY22 non sono ovviamente mancate, ed è chiaro che quanto presentato scontenta entrambi gli schieramenti politici. I Repubblicani infatti avevano chiesto un aumento del 3,5% con lo scopo di mantenere il vantaggio nella competizione con la Cina, mentre i Democratici si aspettavano dei significativi tagli fino ad un improbabile 10% rispetto al precedente anno. Anche se non sono stati diffusi i dettagli sull’assegnazione dei fondi, il Capo di Stato Maggiore della Difesa, Generale Mark Milley, ha già dichiarato che verranno effettuati investimenti significativi in piattaforme navali, aeree e spaziali mantenendo come obiettivo la sfida alla Cina, non solo nella regione Indo-Pacifico, ma globale.

anteprima logo Esercito Italiano Afghanistan: 300 ore di volo per l'elicottero Mangusta

L'elicottero A129 Mangusta al termine del suo ciclo operativo in teatro afgano è stato ricondizionato e imbarcato a bordo di un aereo C-130J dell’Aeronautica Militare.

a cura dell'
anteprima logo Stato Maggiore Difesa Nave Termoli termina l'esercitazione ARIADNE 2021

Nel corso delle operazioni Nave Termoli ha localizzato, tramite il proprio sonar, un oggetto sospetto sul fondo

a cura dello
  1 2 3 4 5 6 7 8 Next >>