LEONARDO
Viaggi RID
Argomento Selezionato: Difesa
anteprima logo RID La Cina rischiera caccia J-10 nelle Paracel

Secondo alcune immagini satellitari risalenti al 19 giugno, la Cina ha rischierato almeno 4 caccia multiruolo J-10 sull’isola di Yongxing, facente parte dell’Arcipelago delle Paracel nel Mar Cinese Meridionale, arcipelago rivendicato anche da Taiwan e Vietnam. Non è la prima volta che l’Aeronautica Cinese invia i propri velivoli da combattimento sull’Isola. Basterebbe ricordare i recenti rischieramenti di cacciabombardieri JH-7, dei velivoli multiruolo J-11B, dei quali uno risalente ai primi giorni di giugno, e un altro avvenuto nella tarda primavera del 2018, quasi ad indicare una presenza semi-permanente e a rotazione più o meno regolare di velivoli da combattimento sull’Isola. Lo scorso anno, inoltre, un bombardiere H-6K ha effettuato una serie di atterraggi touch-and-go sulla pista di 2.700 m, appena ripavimentata ed incrementata nelle dimensioni, seguiti da una breve permanenza sull’Isola, a voler dimostrare le capacità di utilizzo dell’aeroporto anche da parte di assetti strategici. Tuttavia, la presenza dei J-10 rappresenta un’assoluta novità. Dalle immagini satellitari non è possibile determinare la variante del velivolo presente sull’isola. Non è da escludere che si tratti della nuova J-10C, i cui primi esemplari sono stati immessi in servizio nell’aprile 2018 ed equipaggiati con nuova suite EW, radar AESA più potente ed armati con i nuovi missili aria-aria a medio raggio PL-15. E’ possibile, inoltre, che il rischieramento dei velivoli citati, inclusi i J-10, si inseriscano in un progetto più ampio che includerebbe la creazione di uno spazio aereo limitato da una ADIZ (zona di identificazione di difesa aerea), seguito in tempi maggiormente dilatati, da una vera e propria bolla A2/AD a copertura di un’area non inferiore ai 1.000 km dall’Isola di Yongxing.

anteprima logo RID Cerimonia di avvicendamento del CSMM

Si è svolta ieri, a Palazzo Marina a Roma, la cerimonia di avvicendamento tra l’Amm Valter Girardelli e il suo successore Amm. Giuseppe Cavo Dragone come nuovo Capo di Stato Maggiore della Marina Militare.

anteprima logo RID Un nuovo elicottero per le FA italiane

Secondo quanto si apprende dal DPP 2019, tra i nuovi programmi che partono quest’anno c’è anche il LUH (Light Utility Helicopter) per le Forze Armate italiane. Per il programma – che mira al rimpiazzo di AB-205/212/412, ecc. delle Forze Armate con il Leonardo Elicotteri AW-169 – vengono stanziati per ora 382 milioni di euro, per coprire buona parte dei costi non ricorrenti, con una prima tranche quest’anno di 8,2 milioni di euro. L’esigenza complessiva è di 2,2 miliardi di euro che serviranno a coprire l'acquisizione di 100-150 nuove macchine.

anteprima logo RID Riparte il CAMM ER

Buone notizie da DPP 2019-2021, di cui RID è venuta in possesso di una copia in anteprima. Il sistema sup-aria a corto-medio raggio per la difesa antiaerea MBDA CAMM ER è stato reinserito nella pianificazione finanziaria e quest’anno riceverà un primo finanziamento da un milione di euro. Lo stanziamento crescerà poi a 10 milioni di euro nel 2020 ed a 15 milioni nel 2021. Il programma, che mira al completamento dello sviluppo del sistema, si concluderà nel 2024 con un onere complessivo di 95 milioni di euro. Entro l’anno sono confermati i primi 2 tiri del missile.

anteprima logo RID Eurofighter TYPHOON 4.0: parte la LTE

Compiuto un primo importante passo lungo la strada dell’ammodernamento dell’Eurofighter TYPHOON. L’Agenzia NETMA ha concesso al Consorzio Eurofighter un contratto per uno studio di fattibilità relativo alla Long Term Evolution (LTE) del TYPHOON. Il contratto ha una durata di 19 mesi per la parte di piattaforma e di 9 mesi per la parte motoristica, per un valore complessivo di 53 milioni di euro. Nel dettaglio il contratto prevede la valutazione della fattibilità di una serie di radicali modifiche, tra le quali: adozione di un nuovo cockpit con display panoramico, incremento del 15% della potenza del motore EJ-200, adozione di un High Speed Data Network e di un Enhanced Target Data Management, ed ammodernamento del sistema di autoprotezione elettronica DAS. Per quanto riguarda quest’ultimo aspetto, il Consorzio Euro-DASS – formato da Leonardo ed Elettronica, come design authority, Hensoldt e Indra – ha già ricevuto il relativo ordine nel cui ambito verrà condotto uno studio che dovrà tenere conto soprattutto delle nuove minacce – sofisticate bolle A2/AD – e dell’ottimizzazione delle funzionalità del DAS con il radar AESA CAPTOR-E. La LTE, oltre che per garantire il mantenimento della rilevanza del TYPHOON fino a dopo il 2040, dovrà cosnentire il de-risking di alcune tecnologie da inserire poi sui futuri TEMPEST e FCAS. Tutti i dettagli su RID 8/19.

anteprima logo RID Carri ARIETE in Lettonia

L’Italia ha rafforzato il proprio contingente in Lettonia – inserito nel battle group a guida canadese della Enhanced Forward Presence (EFP) NATO – con una piccola aliquota di carri ARIETE (dovrebbero essere 4-6). Due giorni fa, durante l'avvicinamento nella base di Adazi, avvenuto alla presenza del Capo di Stato Maggiore della Difesa, Gen. Enzo Vecciarelli, tra il 9° Rgt. Alpini ed il 1° Rgt. Bersaglieri, si potevano vedere i carri assieme a veicoli da combattimento per la fanteria DARDO. Il dispositivo EFP è stato creato dopo dopo il summit di Varsavia del 2016 per rispondere alla crisi ucraina e rassicurare i Paesi baltici e dell’Est Europa. Il carro ARIETE, che non veniva dispiegato in teatro all’estero da oltre 10 anni, sarà oggetto come noto di un programma di aggiornamento già pianificato e finanziato.

  1 2 3 4 5 6 7 8 Next >>