LEONARDO
Viaggi RID
Notizie a cura di RIDlogo RID
anteprima logo RID Taiwan presenta la sua unità "carrier killer"

Il Presidente di Taiwan, Tsai Ing-wen, partecipando alla cerimonia per il suo ingresso in servizio nella base di Su’ao, sulla costa orientale dell’isola, ha orgogliosamente presentato l’unità TA CHIANG, gioiello della cantieristica nazionale taiwanese. 

anteprima logo RID In servizio la prima unità per il tracciamento degli ICBM e satelliti indiana

L’India ha annunciato di aver immesso in servizio la sua prima unitá navale responsabile del tracciamento di satelliti e dei missili balistici intercontinentali (ICBM). 

anteprima logo RID L’Australia chiude la cooperazione con la Francia per i sottomarini e punta al nucleare

Un disastro annunciato, ampiamente previsto su queste colonne. L'Australia ha ufficialmente chiuso la cooperazione con la Francia per l’acquisto di 12 nuovi sottomarini convenzionali derivati dagli SSN nucleari BARRACUDA/SUFFREN. Giunge così al termine la più ambiziosa operazione di procurement della difesa australiana (peraltro impegnata anche su altri fronti costosi, dalle nuove fregate agli F-35) che prevedeva nell’arco di 3 decenni di raddoppiare la flotta subacquea della RAN. Adesso Canberra dovrà pure pagara miliardi di dollari di penali. Il programma presentava sin dall’inizio problemi di ogni tipo: l’acquisto di un battello sulla carta derivato da un design di un sottomarino nucleare francese in sviluppo, la scelta di un CMS americano abbinata all’integrazione di un'azienda australiano-americana, gli enormi limiti di manpower della cantieristica locale – priva delle risorse tecniche, ingegneristiche e industriali per gestire programmi così complessi – e, non ultima, le difficoltà di relazione tra la componente locale e quella francese. Insomma, le premesse per il disastro c’erano tutte – già i più modesti COLLINS erano stati un bagno di sangue – e questo è quanto puntualmente si è verificato. Lo stesso programma per le fregate Type 26 si sta dibattendo in problemi analoghi, con ritardi ed incremento di costi. Ma la perseveranza di Canberra non ha limiti e, contestualmente alla chiusura con Parigi e Naval Group, è stata annunciata l’intenzione di dotarsi di “almeno” 8 sottomarini d’attacco a propulsione nucleare (SSN) nell’ambito di una nuova cooperazione strategica con USA e UK, denominata AUKUS. Il primo passo in questa direzione è il lancio di un'iniziativa per la valutazione della fattibilità del progetto, della durata prevista in un anno e mezzo. Il Primo Ministro australiano, Scott Morrison, ha già annunciato che questi nuovi SSN, che saranno equipaggiati solo con aermamento convenzionale, saranno realizzati nel cantiere di Adelaide. Con queste premesse si annunciano nuovi disastri e tempistiche bibliche. Ad oggi, l’Australia è completamente priva di un'infrastruttura industriale per la realizzazione e gestione di sottomarini a propulsione nucleare. Questa andrebbe realizzata ex novo con decine e decine di miliardi di dollari di investimenti e l’importazione in Australia di risorse tecniche ed ingegneristiche di cui il Paese scarseggia. Ricordiamo, infatti, che l’Australia è un Continente di soli 25 milioni di abitanti. Canberra dovrebbe dunque commisurare un po' meglio le sue ambizioni alla sua reale dimensione umana e industriale, ed imbarcarsi in programmi fattibili, “accontentandosi”di colmare eventuali gap con acquisizioni off-the-shelf mirate.

anteprima logo RID Taiwan, il budget 2022 si concentra sulla difesa aeronavale

Col budget appena varato dal Ministero della Difesa per l’anno 2022, Taiwan focalizza l’attenzione su assetti aerei e navali, cui va una bella fetta degli oltre 17 miliardi di dollari proposti per il procurement. 

anteprima logo RID L’Italia entra nello sviluppo del radar AESA CAPTOR-E Mk2 del TYPHOON

L'Italia si è unita ufficialmente al Regno Unito nello sviluppo del nuovo radar AESA CAPTOR-E Mk2 dell’Eurofighter TYPHOON. Si tratta di una decisione da parte del nostro Paese attesa da tempo ed anticipata mesi fa da RID. Il primo passo di questa collaborazione vedrà un team di ingegneri del sito Leonardo di Nerviano (Milano) raggiungere la squadra che lavora allo sviluppo dell’Mk2 nel sito dell’azienda a Edimburgo. Obiettivo del team di ingegneri italiani è contribuire al completamento dello sviluppo del sensore, acquisendo al contempo quelle capacità nella progettazione che assicureranno alla Difesa italiana ed all’Aeronautica Militare il pieno controllo del nuovo sistema radar in ogni fase della sua vita operativa. A settembre 2020 il MoD britannico aveva concesso a Leonardo UK (responsabile dello sviluppo e della produzione del sensore) e BAE Systems (responsabile per l’integrazione a bordo) un contratto da 317 milioni di sterline per completare lo sviluppo ed integrare il nuovo sensore sui TYPHOON della RAF (probabilmente solo sugli esemplari Tranche 3). Rispetto al CAPTOR-E Mk1 – oggetto di uno sviluppo separato e di una cooperazione tra Spagna e Germania – il Mk2 offre anche capacità di attacco elettronico e, a quanto risulta a RID, pure capacità cosiddette ESM Enhanced. Il primo CAPTOR-E Mk2 sarà consegnato a BAE System - Warton nel 2022 per l’integrazione e le prove in volo. Tutti i dettagli su RID 10/21.

anteprima logo RID Lotta al terrorismo: al via il 20th Annual World Summit on Counter-terrorism

Lo scorso 10 settembre sono iniziati i lavori del 20° vertice mondiale sul contrasto del fenomeno terroristico (20th Annual World Summit on Counter-terrorism), evento  organizzato dell'International Institute for Counter-Terrorism (ICT) presso l’Interdisciplinary Center (IDC) di Herzliya, Israele. 

  1 2 3 4 5 6 7 8 Next >>