LEONARDO
Viaggi RID
Notizie a cura di RIDlogo RID
anteprima logo RID Israele riceve altri 2 F-35A

L’Aeronautica israeliana ha ricevuto altri 2 caccia multiruolo F-35A. I velivoli sono arrivati nella base di Nevatim, nel Negev, dove hanno affiancato i 14 esemplari attualmente in servizio. Entro l’anno l'Aeronautica Israeliana dovrebbe ricevere altri 4 F-35A. Al momento Israele ha ordinato 50 F-35A ed ha già utilizzato il velivolo nelle operazioni in Siria contro obbiettivi iraniani e governativi.

anteprima logo RID Operativo l’MQ-8C FIRE SCOUT

L’elicottero non pilotato Northop Grumman MQ-8C FIRE SCOUT ha raggiunto la capacità operativa iniziale. Il velivolo, basato sulla cellula del Bell 407, affiancherà il cugino MQ-8B, basato sulla cellula del più piccolo Schweizer 333, per operare dal ponte delle unità di superficie, a cominciare dalle LCS. Rispetto all’MQ-8B, l’MQ-8C ha maggiore autonomia, 12 ore contro 8 ore, quota operativa, 16.000 piedi contro 12.5000 piedi, e velocità massima: 115 nodi contro 80 nodi. Ovviamente è superiore pure il payload. Di serie, inoltre, è equipaggiato con un datalink per il MUM- (Manned Unmanned Teaming) con gli elicotteri MH-60 SEAHAWK. Al momento il FIRE SCOUT-C è equipaggiato con il radar AESA a facce fisse Leonardo OSPREY. Per quanto riguarda l’equipaggiamento, l’MQ-8C dovrebbe essere armato con razzi guidati APKWS, ma presumibilmente anche con missili HELLFIRE o, ancora, con i più leggeri GRIFFIN. Ulteriori dettagli su RID 9/12.

anteprima logo RID L’S-400 arriva in Turchia

Il Ministero della Difesa turco ha annunciato l'inizio delle consegne da parte della Russia del sistema missilistico antiaereo/antimissile S-400. Come noto, la questione S-400 ha fatto precipitare ai minimi termini le relazioni tra Ankara e gli USA, che hanno reagito all'indisponibilità turca a rivedere il procurement del sistema antiaereo russo bloccando il trasferimento degli F-35. La questione è politica, ma anche tecnica poiché tra S-400 ed F-35 c’è un'incompatibilità di fondo. Con il sistema antiaereo russo, infatti, il velivolo dovrebbe volare solo in maniera non stealth poiché rischierebbe altrimenti di essere abbattuto considerando che gli Americani non hanno nessuna intenzione di condividerne i codici di identificazione e temono che la caratterizzazione radar dell’F-35 possa finire ai Russi, che non aspetterebbero altro. A ciò bisogna aggiungere il fatto che l’S-400 non è integrabile nella difesa aerea NATO, di cui la Turchia fa parte.

anteprima logo RID Il Qatar ordina il NASAMS con l’AMRAAM ER

Il Qatar ha formalizzato con Raytheon una commessa da 3 miliardi di dollari per l'acquisizione di batterie antiaeree/antimissile PATRIOT e di sistemi sup-aria a corto-medio raggio antiaerei NASAMS. Quest’ultimo è un sistema co-sviluppato da Raytheon con la norvegese Kongsberg basato su un battle commando manager ed un’architettura net-centrica, una variante sup-aria del missile aria-aria AMRAAM e su un radar MPQ-64 SENTINEL. Il Qatar, undicesimo acquirente del NASAMS, è il primo, però, che ne acquisisce la variante dotata di nuovo intercettore a gittata estesa AMRAAM-ER.

anteprima logo RID Gli Iraniani tentano sequestro di petroliera britannica

Imbarcazioni veloci iraniane – FAC (Fast Attack Craft) - hanno tentato di abbordare la petroliera britannica MV BRITISH HERITAGE, registrata all’Isola di Man, ma hanno desistito quando la fregata Type 23 HMS MONTROSE si è frapposta fra loro e la petroliera. Il tentativo di cattura avviene dopo che l’Iran ha minacciato ritorsioni per il sequestro, nei giorni scorsi, della petroliera GRACE 1 (vedi foto) nelle acque territoriali di Gibilterra. Nei giorni scorsi, la fregata HMS MONTROSE ha iniziato a tallonare da vicino le navi con bandiera britannica in navigazione nell’area di Hormuz ed il transito avviene adesso con cautela e seguendo rotte il più possibile distanti dal limite delle acque iraniane. La HMS MONTROSE è la prima unità scorta britannica ad essere basata permanentemente nella nuova base aperta dal MOD in Bahrain. Arrivata nei mesi scorsi dall’Asia-Pacifico, rimarrà nel Golfo per circa 3 anni prima di rientrare in patria. Il tentato sequestro è avvenuto nell’area dell’isola di Abu Musa, amministrata dall’Iran ma rivendicata degli Emirati Arabi Uniti, e situata in prossimità di rotte obbligate per le grandi navi. Le navi britanniche sono rimaste in acque internazionali durante tutta l’operazione. L’Iran questa mattina ha negato di aver cercato di catturare la petroliera, ma il CENTCOM statunitense sostiene di avere immagini video riprese da uno dei suoi velivoli in pattugliamento. Al momento, il video non è ancora stato rilasciato. Prima dell’alba del 4 luglio scorso, il governo di Gibilterra era intervenuto per bloccare la superpetroliera GRACE 1, diretta in Siria con un carico di greggio iraniano. Secondo l’intelligence, la GRACE 1 stava agendo in violazione delle sanzioni dell’Unione Europea. Il governo di Gibilterra ha incaricato la Royal Gibraltar Police e i locali elementi dell’Her Majesty’s Customs Service britannico di sequestrare la nave e il suo carico, ed ha richiesto l’assistenza dei Royal Marines per l’abbordaggio. Un team d’abbordaggio del 42 Commando Royal Marines, supportato da un elicottero AW-159 WILDCAT, aveva messo in sicurezza la nave, che rimane in stato di fermo a Gibilterra. La nave non batte bandiera iraniana, ma il greggio a bordo è iraniano e Teheran ha ripetutamente minacciato ritorsioni.

anteprima logo RID Altri 18 Su-30MKI per l’India?

L’India ha richiesto alla Russia la vendita di altri 18 caccia pesanti multiruolo Su-30 MKI. I velivoli, che verrebbero prodotti localmente sulla base di kit inviati dalla Russia, si affiancherebbero ai circa 250 Su-30 MKI già in servizio con l’Aeronautica Indiana, su un totale ordinato di 272, dei quali 222 realizzati su licenza.

  1 2 3 4 5 6 7 8 Next >>