LEONARDO
Viaggi RID
Argomento Selezionato: Mare
anteprima logo RID PPA, avanti con le 3 opzioni

Nel corso della sua importante audizione parlamentare, il nuovo Capo di Stato Maggiore della Marina Militare, Amm. Giuseppe Cavo Dragone, ha annunciato l’intenzione di esercitare l’opzione per i 3 PPA restanti in aggiunta ai primi 7 già ordinati. Si tratta di una notizia di grande rilievo anche perché l’Ammiraglio ha contestualmente affermato la necessità di configurare almeno 2 di queste 3 nuove unità in variante antisom. Il PPA non è concepito come unità antisom dedicata, pur avendo capacità in tal senso con la variante Full, ma grazie alla sua ampia modularità/flessibilità - data dalla baia di missione poppiera e dall’area riconfigurabile a centro nave - potrebbe essere equipaggiato pure con AUV (Autonomous Underwater Vehicle), USV (Unmanned Surface Vehicle), e droni in generale operando come nave madre per il controllo di assetti sepcializzati nella lotta antisom. Ulteriori approfondimenti sui prossimi numeri di RID.

anteprima logo RID Nuovi dettagli sugli U-212 NFS

Il programma per i nuovi 4 sommergibili U-212 NFS (Near Future Submarine) destinati alla Marina Militare è molto vicino alla sua finalizzazione.

anteprima logo RID Corea del Nord, nuovo sottomarino lanciamissili

La Corea del Nord ha condotto un nuovo test con 2 missili balistici a corto raggio, che hanno fatto risalire la tensione nell’area, e come se non bastasse Kim Jong-un ha visitato il cantiere di Sinpo dove è in un avanzato stato di costruzione un secondo sottomarino lanciamissili balistici. Si tratterebbe di una versione più grande del sottomarino classe GORAE, con un dislocamento superiore alle 2.000 t, utilizzato finora per la sperimentazione del missile balistico tipo SLMB (Submarine Launched Ballistic Misisle) KN-11. Il GORAE, derivato dai vecchi sottomarini sovietici classe GOLF, è un sottomarino a propulsione convenzionale lungo 66 m e con un dislocamento in immersione attorno alle 1.500-2.000 t. La caratteristica distintiva è una relativamente generosa falsatorre (conning tower) con una sezione centrale rettangolare che ospita 1-2 pozzi per il lancio del KN-11, accreditato di una gittata di un migliaio di chilometri. La campagna di test del KN-11 è stata condotta sia da chiatte subacquee sia dallo stesso GORAE. La Corea del Nord sembrerebbe disporre di ben 2 chiatte subacquee per la sperimentazione degli SLBM. Una presso il cantiere di Nampo, sulla costa occidentale, ed una presso il cantiere di Sinpo, sulla costa orientale. Le 2 piattaforme sono pressochè identiche e sembrano simili alle vecchie PSD-4 sovietiche. Il primo test dal GORAE è avvenuto nel novembre 2015, ma non avuto successo, tanto è vero che un mese dopo è stato replicato da chiatta, pare, questa volta, con successo. Il secondo test dal GORAE è avvenuto nell'aprile 2016, ancora senza esito positivo, ma pochi mesi più tardi, ad agosto, il terzo test è andato a buon fine. In quell'occasione, il battello era in immersione di fronte alla base di Sinpo ed ha lanciato alle 05:30 ora locale del mattino un KN-11 che ha seguito oltre 500 km di traiettoria prima di ricadere nel Mar del Giappone. Se il GORAE ed il fratello più grande in costruzione dovessero davvero diventare operativi, come l'avanzamento del programma lascia presupporre, e se sui KN-11 fossero caricate testate nucleari, o chimiche, la Corea del Nord potrebbe conseguire quella capacità di second strike che, in ultima analisi, assicura la credibilità e la stabilità di un qualunque deterrente.

anteprima logo RID Un MARTLET per elicotteri e navi inglesi

Missili LMM sugli affusti DS30 da 30mm per la difesa di punto. 

anteprima logo RID Consegnata la UNPAV ANGELO CABRINI

Con una cerimonia svoltasi ieri a Porto Lotti, La Spezia, Intermarine ha consegnato alla Marina Militare l’unità d'assalto veloce tipo UNPAV ANGELO CABRINI. Insieme alla gemella TULLIO TEDESCHI, la CABRINI è destinata ad operare in seno al Gruppo Navale Speciale di COMSUBIN per il supporto del Gruppo Operativo Incursori (GOI). Tutti i dettagli su RID 8/19.

anteprima logo RID Primi dettagli sui nuovi cacciamine della MM

Stanno emergendo una serie di dettagli sul Cacciamine di Nuova Generazione della Marina Militare, conosciuto anche come Caccimine Oceanico Veloce, il cui programma di acquisizione partirà nel 2020. Al momento si sta pensando ad un’unità ampiamente modulare da 1.300-1.400 t di dislocamento e 75-80 m di lunghezza, con scafo in materiale composito amagnetico ed un piccolo ponte di volo per un RUAV. La nave sarà in grado di accogliere 1 USV (Umanned Surface Vehicle) di taglia grande, che per l'immissione in acqua sfrutterà uno scivolo poppiero, e 2 USV di taglia media, più 6 AUV (Autonomous Underwater Vehicle) medi ed altri 8 piccoli, 10-12 ROV e fino a 30-40 cariche di contro-minamento. L’autoprotezione sarà fornita da torrette del calibro compreso tra i 12,7 mm ed i 40 mm, ma si sta discutendo pure della possibilità di adottare un sistema sup-aria a cortissimo raggio. Ulteriori aggiornamenti su RID 8/19.

  1 2 3 4 5 6 7 8 Next >>