LEONARDOFincantieri
Viaggi RID
logo RIDa cura della Rivista Italiana Difesa
RID - Rivista Italiana Difesa 04-04-2019 Haftar minaccia Tripoli data: a cura di:

In una mossa a sorpresa, ma non troppo, le forze fedeli al Generale Haftar stanno avanzando verso i sobborghi di Tripoli, provenienti da sud, e verso Sirte, lungo la fascia costiera. In un comunicato, l’LNA (Libya Nationa Army) di Haftar ha annunciato l'intenzione di liberare anche la Tripolitania e la stessa capitale dai “terroristi”. Le forze del Generale sarebbero in particolare giunte fino alle porte di Garian, 100 km a sud di Tripoli, ed il sindaco della città avrebbe ufficialmente chiesto aiuto a Serraj. Secondo alcune fonti, addirittura, la città sarebbe già nelle mani di Haftar. In risposta il Governo di Tripoli ha annunciato la mobilitazione di tutte le milizie. L’azione del Generale sembrerebbe tuttavia avere solo l’obbiettivo di condizionare il processo politico in corso, condotto con la mediazione dell’ONU, per far arrivare Haftar alla Conferenza Nazionale Libica, che si terrà a metà mese a Ghadames, da una posizione di forza. Da un punto di vista militare, infatti, l’avanzata dell’LNA presenta tutta una serie di incognite. Innanzitutto l’allungamento delle linee logistiche, rispetto alle basi di partenza nell’est e nel sud del Paese, e poi l’incognita dell’atteggiamento della 7ª Brigata dei fratelli Kani di Tharuna, che in questi mesi si sono scontrati più volte con le milizie tripoline fedeli a Serraj. A ciò bisogna aggiungere il peso militare di Misurata, di per sé capace di cambiare ogni equilibrio sul terreno, che finora è stato un prezioso puntello di Serraj nella capitale.


Condividi su: