LEONARDO
Viaggi RID
logo RIDa cura della Rivista Italiana Difesa
RID - Rivista Italiana Difesa 14-05-2019 F-35, i primi Aggressors stealth L'USAF formerà un reparto "Red Air" equipaggiato con F-35A data: a cura di:

(Un'immagine comparsa sulla pagina Facebook del comandante del 57th Air Wing, che ipotizza un F-35A "cammuffato" da J-31)


L'USAF riattiverà il 65th Aggressor Squadron (65th AGRS) sulla base aerea di Nellis, equipaggiandolo con l'F-35A. Sarà la primissima unità di Aggressor a disporre delle capacità stealth e dei sensori avanzati della 5a Generazione, e consentirà alle forze aeree statunitensi ed alleate di addestrarsi contro le minacce più complesse.

9 F-35A arriveranno dalla base di Edwards nel 2022 e apparterranno ai primi lotti di produzione. Saranno velivoli “non combat capable”, presi dall'attuale flotta di test e sviluppo: Edwards è la base degli squadroni 461st Flight Test Squadron e 31st Test and Evaluation Squadron, unità chiave nella campagna di sviluppo e test del Joint Strike Fighter. I velivoli passati al 65th AGRS saranno rimpiazzati ad Edwards da esemplari di più recente produzione.

Altri 2 F-35A passeranno da Edwards a Nellis per equipaggiare il 24th Tactical Air Support Squadron, unità equipaggiata con F-16 e specializzata nel supporto all'addestramento per missioni aria-suolo. Il 24th TASS è stato formato nel marzo del 2018 per affinare la preparazione di JTAC e piloti di caccia per le missioni di Close Air Support. La disponibilità di F-35A all'interno dell'unità permetterà di mettere a punto tattiche e procedure specifiche per il Joint Strike Fighter.

Il 65th ha una tradizione pregressa come unità Red Air particolarmente temibile: fra il 2005 e il settembre 2014, quando fu sciolto per ridurre le spese, fu l'unico squadrone Aggressor equipaggiato con gli F-15 EAGLE (gli altri squadroni avversari USAF, 64th e 18th, usano l'F-16).

Per quanto si possa ipotizzare che i ripetuti avvistamenti di vecchi F-117 in volo siano connessi allo sviluppo di tattiche “anti-stealth”, la formazione di un'unità Aggressor con velivoli di ultima generazione è fondamentale per dare all'Aeronautica la possibilità di mettersi davvero alla prova con nemici “di pari livello”. Per quanto ancora dotati di una stealthness visibilmente “rozza”, velivoli come il Su-57 russo e il binomio J-20 e J-31 cinese rappresentano una seria minaccia per le operazioni future. Il 65th AGRS permetterà ai piloti di mettere a punto le necessarie contromisure per affrontare un nemico stealth e dotato di sensoristica avanzata.

La base di Nellis è stata scelta poiché è sede di esercitazioni complesse, dell'US Air Force Weapons School e dei Weapons Instructor Courses.



Condividi su: