LEONARDO
Viaggi RID
logo RIDa cura della Rivista Italiana Difesa
RID - Rivista Italiana Difesa 08-11-2019 MANGUSTA 19, la FOLGORE si addestra alla guerra ibrida data: a cura di:

Si è appena conclusa MANGUSTA, principale evento addestrativo che interessa la Brigata paracadutisti FOLGORE. L’evento, a carattere annuale, mira al mantenimento delle capacità operative acquisite durante i precedenti cicli addestrativi o nell’ambito della partecipazione ad attività multinazionali/NATO, nonché alla verifica della capacità delle minori unità di saper pianificare, preparare e condurre attività inerenti le operazioni avioportate in un contesto di Hybrid Warfare (guerra ibrida) e coerentemente al concetto Full Spectrum Operations / Unified Land Operations. In particolare, lo scopo di MANGUSTA 19 è stato quello di pianificare, preparare e condurre un’operazione avioportata nell’ambito di una Joint Forcible Entry Operation (JFEO) condotta nelle fasi iniziali di una Joint Campaign, impiegando un’unità di livello Gruppo Tattico avioportato quale Early Entry Force in uno scenario semi permissivo, con proiezione delle forze, a seguito di ridislocazione dalla propria sede stanziale, da una o più Intermediate Staging Bases (ISB) situate al di fuori dell’Area di Operazione e con limitato supporto da parte della Nazione. Molto importante è stato anche l’aspetto dedicato all’ottimizzazione, all’integrazione e all’interoperabilità tra comandi/unità/assetti nazionali e americani, 173ª Brigata Aviotrasportata, e alla ricerca continua di sinergie con altri paesi alleati e partner. La 173ª Airborne Brigade USA costituisce in effetti da sempre il principale partner multinazionale della Brigata FOLGORE, e l’esercitazione MANGUSTA 19 ha permesso di consolidare ed implementare il livello di integrazione e interoperabilità conseguito nel corso dell’anno, attraverso le esercitazioni ALLIED SPIRIT X, IMMEDIATE RESPONSE, SWIFT RESPONSE 19 e SABER GUARDIAN 19. Nell’esercitazione è stata altresì inserita un’attività di visita a carattere addestrativo da parte di osservatori proveniente dalla Brigada Paracaidista spagnola e da unità dell’Esercito Polacco e Armeno.


Condividi su: