LEONARDO
Viaggi RID
logo RIDa cura della Rivista Italiana Difesa
RID - Rivista Italiana Difesa 23-07-2020 Battesimo del fuoco per il razzo balistico RAMPAGE? data: a cura di:

Secondo alcune fonti, che al momento non trovano conferme ufficiali, è possibile che durante l’ultimo raid effettuato contro un deposito ed un carico di armamenti giunti da Teheran a Damasco e destinati ad Hezbollah e Pasdaran, gli F-16I SUFA israeliani del 107° Stormo abbiano impiegato per la prima volta il vettore balistico supersonico aria-sup RAMPAGE. Il missile sarebbe stato utilizzato per la soppressione delle difese aeree nemiche (SEAD), eliminando o una batteria di un sistema antiaereo siriano non specificato o un centro radar early warning, situati nei pressi dell’Aeroporto Internazionale di Damasco. Il RAMPAGE rappresenta la variante aviolanciabile del razzo guidato d’artiglieria a lungo raggio EXTRA, rispetto al quale si differenzia nel design esterno, in particolare con l’aggiunta di una sezione rinforzata della struttura centrale con alette di fissaggio. Portata, lunghezza (4,70 m), peso (567 kg di cui circa 100 di testata) e sistema di guida - basato su navigazione inerziale/GPS ad alta resistenza al jamming (grazie alla presenza di un sistema di navigazione di backup basato su algoritmo) – sono pressoché identici a quelli dell’arma terrestre. Dal punto di vista capacitivo, il RAMPAGE va a colmare il gap esistente nell’arsenale israeliano tra le bombe guidate plananti (SDB o le autoctone SPICE) ed i missili aria-sup a lungo raggio, come i DELILAH, diffusamente impiegati dai caccia israeliani nei loro abituali raid sulla Siria. Grazie alla velocità supersonica, il RAMPAGE garantisce benefici significativi rispetto agli ordigni citati, soprattutto nel caso di attacchi in tempi strettissimi contro obiettivi sensibili (centri C2, depositi armi, piste) anche ad alta mobilità (complessi missilistici di difesa aerea a breve/medio raggio – come, probabilmente, in quest’ultimo caso – o sistemi balistici) a distanza di sicurezza e ad un costo che dovrebbe essere sensibilmente inferiore rispetto all’utilizzo di un DELILAH. Altra peculiarità del missile sta nella sua traiettoria che, seguendo coordinate predeterminate comunicategli dall’aereo, varia in base alle caratteristiche del bersaglio, che viene raggiunto ad una specifica velocità e ad uno specifico angolo. Il RAMPAGE è compatibile con la stragrande maggioranza di caccia di 4ª generazione e non solo (oltre a F-15, F-16, F-18, KFIR, MIG-29, famiglia FLANKER e TYPHOON, il missile potrebbe essere trasportato esternamente anche dagli F-35) e con alcuni aerei d’attacco leggero.


Condividi su: