LEONARDO
Viaggi RID
logo RIDa cura della Rivista Italiana Difesa
RID - Rivista Italiana Difesa 26-01-2021 Al via i Marine Littoral Regiment data: a cura di:

Dopo dolorose chiusure e tagli di unità e programmi, lo USMC ha annunciato che il progetto triennale per la creazione dei nuovi Marine Littoral Regiment (MLR) inizierà quest’anno, con la volontà di raggiungere la capacità operativa iniziale a partire dal Financial Year (FY) 2022. Il portavoce del glorioso Corpo americano, il Maggiore Josh Benson, ha infatti informato la stampa sui prossimi passi del progetto che vedrà gli MLR muovere i primi passi affrontando test, esercitazioni, wargaming e simulazioni. Il primo passo sarà quello di costruire la prima nuova unità. Si partirà da una già esistente, il 3rd Marine Regiment, basato alle Hawaii, che verrà rimodellato secondo la nuova struttura e le professionalità richieste, andando ad inglobare anche altre unità presenti nell’arcipelago. L’obiettivo è quello di modellare il primo MLR per essere pronto ad agire in un futuro scenario di guerra “dispersed”, secondo quanto previsto nella fase 3 del Force Design dello USMC promosso dal Comandante del Corpo, il Generale David Berger. La nuova unità avrà un organico limitato a 1800/2000 Marines e marinai, con un taglio di circa la metà degli attuali effettivi del 3rd Marine Regiment, e un’organizzazione interna articolata su un Littoral Combat Team, un Littoral Logistic Battalion e un Littoral Anti-Air Battalion. Pur mantenendo una completa apertura mentale e strutturale a qualsiasi miglioramento e modifica, si profilano 2 sfide importanti all’orizzonte del MLR. La prima vera difficoltà sarà quella di combattere la resistenza al cambiamento che un tale innovativo progetto porterà nell’organizzazione dei Marines basata sulla famosa Marine Air Ground Task Force (MAGTF). La seconda sfida è rappresentata dalla rinnovata integrazione con la US Navy da cui dipende pesantemente la riuscita del progetto MLR, secondo quanto previsto nei condivisi concetti del Littoral Operations in a Contested Environment (LOCE) e Expeditionary Advanced Based Operations (EABO). A tal riguardo, il Tenente Generale Lewis Craparotta, Comandante del Marine Corps Training and Education Command, ha comunicato che quest’ultimo sta lavorando su una prima bozza di manuale operativo per la condotta delle EABO.


Condividi su: